CIV: Mugello, il riepilogo del quarto round

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Doppio appuntamento presso l’autodromo del Mugello dove stanno andando in scena il quarto e il quinto round del Campionato Italiano Velocità. Nella giornata di ieri si sono svolte le gare relative al quarto appuntamento, vediamo cosa è successo nel dettaglio.

Nella 125GP/Moto3, torna a riprendersi il gradino più alto del podio Riccardo Moretti in sella alla Mahindra ufficiale, accumulando più di cinque secondi nella parte inziale di gara e andando a gestire il vantaggio sul suo diretto avversario Lorenzo della Porta, O.R. by 2B Corse Zack M. A completare il podio virtuale della 125gp Simone Mazzola, Aprilia GT Racing, sesto in classifica generale. Nella moto3, vittoria di Kevin Calia, Honda Elle2 Ciatti, terzo nella generale, a precedere  Matteo Ferrari, Honda San Carlo Gresini, e Stefano Valtulini, Honda Imperiali Racing.
In ottica campionato nella 125gp, ancora in testa Lorenzo della Porta, con 85 punti, seguiti da Riccardo Moretti a 75 e, più staccato, Cristiano Carpi a 53. Nella Moto3, comanda Matteo Ferrari a quota 81, seguito a pochissima distanza da Kevin Calia a 78 e da Andrea Locatelli a 61.

Nella Stock 600 gara a senso unico con l’ennesima vittoria di Riccardo Russo, Team Italia FMI,  monopolizzando il campionato con tre successi in quattro round. Conquista la piazza d’onore Gennaro Sabatino, Yamaha Prorace Squadra Corse, dopo una bella volata con Nicola Morrentino, Yamaha Elle2 Ciatti, che completa il podio.
Appena fuori dal podio Stefano Casalotti, Yamaha Team Riviera, davanti all’alrto pilota del Team Italia FMI, Luca Vitali, ad Alessandro Nocco, Kawasaki Nocco Racing Team, a Franco Morbidelli, Bike Service Racing Team, a Davide Stirpe, Monaco Racing Team, e alla coppia  del Team Pata by Martini, Francesco Cocco e Luca Salvadori. Numerosi gli incidenti a causa delle alte temperature dell’asfalto da Luca Oppedisano, Kawasaki Puccetti Racing, con una brutta scivolata alla Scarperia fortunatamente evitato dagli altri piloti ad Alessia Polita, Team Trasimeno.
In campionato comanda Riccardo Russo con 95 punti, seguito a grande distanza da Franco Morbidelli a 50 e da Mattia Cassani a quota 38.

Nella Stock 1000 incredibile gara senza certezze fino alla bandiera a scacchi, con i primi quattro piloti che si sono dati battaglia fino all’ultimo metro. Ad avere la meglio Ivan Goi, Barni Racing Team, che “svernicia” Michele Magnoni, Wild Card con BMW, per soli 30 millesimi di secondo, seguiti a pochissimi metri da Alessio Velini, 2R Antonellini by Bargy, che ha condotto  buona parte della gara, e ad Alessio Corradi, Aprilia Nuova M2.
Ad 11 secondi di distanza, al quinto posto, si piazza Federico Dittadi, Aprilia Team Riviera, davanti a Marco Muzio, BMW DMR Racing Team, a Lorenzo Alfonsi, BMW Velmotor, a Diego Tocca, Kawasaki Tocca Racing Team, e all’ “immortale” Norino Brignola, Suzuki Falaschi Racing.
In camponato Ivan Goi allunga portandosi a +19 sui due inseguitori, Alessio Velini, 63 punti, e Alessio Corradi, 60.

Nella supersport/moto2 protagonista assoluto è stato Massimo Roccoli, dopo il divorzio con il Bike Service Racing Team, e presente qui come Wild Card in sella alla Yamaha del Team Yakhnich Motorsport, centrando la vittoria del quarto round.
Al secondo posto Roberto Tamburini, Honda Lorini, dopo una gran battaglia con Stefano Cruciani, Kawasaki Puccetti Racing, battendolo al photofinish per soli 4 millesimi di secondo. Bella rimonta di Alessandro Andreozzi, FTR Andreozzi Reparto Corse, quarto in classifica generale e primo nella moto2, che ha avuto la meglio sul campione in carica della supersport Ilario Dionisi, Honda Scuderia Improve, Mirko Giansanti, Kawasaki Puccetti Racing, l’ex SBK, Raffaele De Rosa, Honda Lorini, e Gabor Talamcsi, wild card con Honda Prorace.
In campionato comanda ancora Ilario Dionisi cn 65 punti, seguito da Mirko Giansanti a 56 e da Roberto Tamburini a 46. In moto2 in testa Ferruccio Lamborghini ad 85, a seguire Alessandro Andreozzi a 66 e il danese Robin Harms a 41.

Nella SBK, niente di scritto fino alla bandiera a scacchi con Ivan Clemente, BMW Asia Competition, che dopo una prima parte di gara in cui ha accumulato un buon  vantaggio sul campione in carica Matteo Baiocco, Ducati Team Barni, si è visto recuperare tutto il gap riuscendo  a vincere per il rotto della cuffia per soli 31 millesimi di vantaggio. Stessa sorte per la coppia del terzo e quarto posto, ma con la rimonta che riesce a Luca Conforti, Ducati Team Barni,  andando a recuperare un Federico Sandi, Ducati Team Althea by Echo, e a conquistare il terzo gradino del podio per 3 millesimi di secondo.
Quinto posto per Remo Castellarin, su BMW, davanti a Lorenzo Mauri, Ducati Motocorsa, Davide Caselli, Ducati Grandi Corse, e Francesco Ciacci, BMW DMR Racing.
In campionato allunga Matteo Baiocco salendo a 65 punti, seguito dal compagno di squadra Luca Conforti, 65,  che supera il toscano Gianluca Nannelli oggi fuori al 13esimo giro, che segue a quota 58.

Alessio Cavalli

[nggallery id=162]

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick