Loris Capirossi: una vita per il motociclismo

 Loris Capirossi: una vita per il motociclismo


L’ADDIO ALLE CORSE

Lascia le corse Loris Capirossi

3 titoli mondiali, 324 GP disputati, 29 GP vinti, 99 podi, 3176 punti ottenuti, 41 pole position e 32 giri veloci. Non è un almanacco, ma il palmares di uno dei più amati ma anche discussi piloti italiani, Loris Capirossi.

Capirex, come viene chiamato nel ambito motociclistico, ha annunciato il suo ritiro a fine stagione, dopo il GP della Comunità Valenciana, rimanendo comunque nel mondo motociclistico con un ruolo non ancora divulgato.

Il pilota imolese, commosso nella conferenza stampa, ha dichiarato di aver avuto delle offerte come team manager in SBK, ma che ancora deve decidere il suo futuro, ha poi continuato dicendo che il suo sogno sarebbe di provare tutte le moto, e sulla domanda di un possibile ripensamento, ha risposto: “Certo, se la Honda mi offrisse una moto…” (come non smentirlo n.d.r.).

Loris è stato il più giovane pilota a conquistare un titolo mondiale, e all’età di 18 anni poteva già vantarne due. Impossibile dimenticare le battaglie con Harada, nonché le polemiche per la famosa “sportellata” ai danni del pilota giapponese che gli valsero il mondiale ma con l’accusa di essere un antisportivo. Il passaggio nelle 500, poi motoGP, dove nel 2006, in sella ad una perfetta Ducati per poco non conquista il titolo, a rallentarlo fu quel terribile incidente a Barcellona, finì a soli 23 punti da Hayden. Nel 2007 avrà come compagno di squadra Stoner che divorerà il campionato laureandosi campione del mondo. Dal 2008 al 2010 passerà in un’anonima suzuki lottando tra infortuni e poca competitività del mezzo, chiude la sua carriera in sella alla Ducati del team Pramac.

Loris Capirossi sarà comunque il pilota che ha avuto più successi in Ducati dopo Casey Stoner.

Queste le parole del pluricampione del mondo: “E’ un momento particolare della mia carriera, e la decisione che ho preso è stata partorita dopo tante, tantissime riflessioni. Sono contento, dopo 25 anni, di cui 22 di motomondiale di arrivare a dire basta col sorriso sulle labbra, anche se è dura pensare che l’anno prossimo non guiderò più una moto. Devo ringraziare tantissime persone che per tutti questi anni mi hanno seguito, incoraggiato, motivato, anche il team Pramac, che mi ha dato l’ultima opportunità di guidare una moto“.

E ancora:“Dispiace, quest’anno, di non aver portato a casa un buon risultato, ma confido nell’ultima parte del mondiale. Motegi, Philip Island e Sepang sono i miei circuiti preferiti, lì ho vinto tante gare. Il centesimo podio che rincorro è difficile da agguantare, ma ci crederò fino alla fine. Per quanto riguarda il mio futuro, poi, non ho ancora le idee chiare, l’unica cosa certa è che non sarò più un pilota. Nella vita, arrivare a prendere una decisione del genere non è facile, soprattutto dopo tanti anni. Ma so a cosa vado incontro, sono sicuro che la mia nuova vita sarà entusiasmante come quella che ho fissato fino a ora“.

Arrivederci Loris, grazie per tutte le emozioni che ci hai fatto vivere duranti tutti questi anni di vero e puro motociclismo!

[nggallery id=7]

Emanuele Bompadre

Загрузка...


Avatar

Emanuele Bompadre

Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *