Gp Suzuka: quinto e sesto posto per le Ferrari





Quinto e sesto posto, con Kimi e Seb, per la Scuderia Ferrari in Giappone. Probabilmente il massimo risultato possibile dopo i problemi in qualifica e con entrambe le vetture danneggiate da contatti in gara e Sebastian costretto a rimontare dal fondo.

IL FILM DELLA GARA – Gomme Supersoft per Kimi e Seb, quarto e ottavo in griglia rispettivamente. Fa caldo, quasi 30 gradi,, e ce ne sono 37 sull’asfalto. Kimi tiene la posizione, Seb si tiene tutto a destra e ne guadagna subito due. Poi si prende anche quella di Grosjean con un miracolo all’esterno della Spoon. Alla fine del primo giro, Verstappen va dritto alla chicane, rientra tagliando la traiettoria e quasi investe Kimi, che deve rallentare permettendo a Seb di passare quarto. L’episodio arriva sotto la lente dei commissari, la Ferrari n.7 riporta qualche danno e Max viene penalizzato di 5’.

Terzo giro, safety car: è per la gomma lasciata in pista da Magnussen. Si riparte al settimo passaggio, le posizioni non cambiano. Al giro dopo Seb ci prova. Attacco all’interno della Spoon, contatto, la Ferrari va in testacoda. Sebastian riparte diciottesimo e inizia la rimonta passando Ericsson. La manovra viene investigata, ma senza conseguenze.

Al 18esimo giro Kimi va ai box e monta le gomme medie; esce, passa Ocon ed è ottavo. Seb, intanto, si è fatto strada fino al dodicesimo posto. Verstappen va ai box, sconta la penalità, Kimi gli arriva dietro ma ha perso tempo con Gasly e il sorpasso non riesce. Il danno iniziale gli fa perdere tempo sul giro e si ritrova quinto dietro Ricciardo dopo il pit-stop.




Vettel va al cambio gomme dopo 27 giri e monta le Soft a banda gialla. Poi dà spettacolo, riportandosi subito in zona punti. E’ settimo quando segna il giro veloce (33esimo). Fa ancora in tempo a guadagnare una posizione, poi il suo ritmo si assesta su quello di Kimi, troppo lontano per poterlo avvicinare. Ma alla fine, Vettel si toglie la soddisfazione morale del giro più veloce: 1’32”318. “La macchina è stata forte”, commenta Seb. Nonostante tutto.

Fonte: ferrari.com



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4838 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*