Frascati Scherma, Pappone e Lucarini vincono a Roma, Llavador e Van Erven a Barcellona





Il Frascati Scherma ha monopolizzato la seconda prova nazionale di qualificazione ai
campionati italiani Giovani tenutasi nello scorso fine settimana al bocciodromo
dell’Eur a Roma. Due primi posti e tanti ottimi piazzamenti per gli atleti che hanno
rappresentato i colori del club tuscolano.

Vittoria nella sciabola

Nella sciabola femminile ottima la prestazione di Lucia Lucarini che, dopo aver
superato nei quarti di finale la compagna di società Vally Giovannelli (quinta alla
fine) e in semifinale la campana Beatrice Della Vecchia, ha concluso in bellezza
vincendo pure l’ultimo atto contro Alessia Di Carlo (Club Scherma Roma) in un
assalto praticamente senza storia come testimonia il punteggio finale di 15-4.

Vittoria nel fioretto

Nel fioretto femminile è arrivato il successo di Arianna Pappone capace di mettere in
fila prima Maria Teresa Pacelli (Club Scherma Roma) ai quarti, poi la marchigiana
Elena Ferracuti in semifinale e infine la padovana Margherita Lorenzi in finale
(15-10 il punteggio conclusivo). Nella medesima gara da segnalare il settimo posto
di Lucrezia Grimaldi, mentre nel fioretto maschile ha ottenuto lo stesso piazzamento
anche Andrea Funaro. Nell’ultimo giorno di gara un’altra finale a 8 è arrivata dalla sciabola maschile dove Lorenzo Ottaviani ha concluso al sesto posto dopo essere stato “stoppato” ai quarti di finale dal Vigile del Fuoco Alberto Arpino, poi vincitore della prova.

Infine bella doppia vittoria per lo spagnolo Carlos Llavador: il fiorettista tesserato per il Frascati Scherma ha vinto sia il torneo satellite che la prova del circuito europeo Under 23 che si sono tenuti a Barcellona. Nel primo caso Llavador ha sconfitto nell’ultimo atto l’egiziano Abouelkassem per 15-13, nel secondo ha avuto la meglio in finale del francese Mourrain col punteggio di 15-7.




Molto bene anche la colombiana Saskia Van Erven Garcia, protagonista assoluta nel torneo satellite dove è riuscita ad arrivare fino in fondo e a vincere, piegando in finale per 15-11 l’azzurra Marta Camilletti. A Barcellona erano presenti anche Alessandro Gridelli, Filippo Guerra e l’argentina Ludmila Terni (con questi ultimi due che hanno disputato solo il torneo satellite).



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*