Asd Judo Frascati, Favorini soddisfatta dopo i campionati italiani: “Una bella esperienza”


Asd Judo Frascati, Favorini soddisfatta dopo i campionati italiani




Il primo campionato italiano (Assoluti) non si scorda mai. E Flavia Favorini, dell’Asd Judo Frascati,  potrà fare sicuramente tesoro di questa esperienza, maturata nella gara disputata lo scorso fine settimana al PalaFijlkam di Ostia. «Ho gareggiato con la testa sgombra e senza pressioni di sorta – dice l’atleta classe 2000 bi-campionessa italiana Cadetti – Al primo turno ho incrociato subito la fortissima Edwige Gwend (che si è poi aggiudicata il titolo nella categoria dei 63 chili, ndr) e non ho potuto fare molto.

Nel ripescaggio, invece, ho battuto per strangolamento Elena Battaiotto e poi ho incrociato un’altra atleta molto forte come Marta Palombini (anche lei ex campionessa italiana, ndr) con cui me la sono giocata al golden score. Insomma, un’esperienza sicuramente positiva per implementare il mio bagaglio tecnico». Per Flavia non ci sarà molto tempo per “assorbire” le forti emozioni vissute a Ostia: sabato e domenica, infatti, l’atleta dell’Asd Judo Frascati parteciperà al trofeo internazionale “Alpe Adria” che si disputa a Lignano Sabbiadoro, stavolta gareggiando nella classe Juniores (quella di competenza).

ASD Judo Frascati, formazione con Farina e Vivino

La comitiva del club tuscolano sarà completata dalle altre due Juniores Veronica Farina (che gareggerà
nella categoria dei 52 chili) e Elisabetta Vivino (57 chili), oltre al presidente e maestro dell’Asd Judo Frascati
Nicola Moraci che osserverà da vicino le gesta delle sue atlete.
Nello scorso week-end è sceso sul tatami anche un altro importante atleta dell’Asd Judo Frascati, vale a
dire Roberto Mascherucci, impegnato nel torneo internazionale di Lille (in Francia).

«Non sono ancora al massimo della forma, com’è normale che sia in questo periodo – dice l’atleta
tuscolano – Ho affrontato un francese sia al primo incontro, superato abbastanza in scioltezza, che nel
secondo caso in cui a decidere l’esito è stato il giudizio arbitrale (hantei, ndr), favorevole al padrone di casa.
Comunque mi ha fatto piacere partecipare ad una gara dal livello tecnico molto alto in cui di fatto
mancavano solo due “big” mondiali. Ora mi allenerò per i prossimi impegni, il primo dei quali sarà il “Trofeo
della Lanterna” di Genova e poi tutta una serie di gare internazionali che mi dovranno portare nella
migliore condizione possibile in vista degli europei di giugno a Glasgow».






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*