MotoGp, Sachsenring: il re è Quartararo

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
quartararo

Fabio Quartararo fotocopia la performance offerta due settimane fa a Barcellona e vince il Gran Premio Liqui Moly della Germania con un netto distacco sugli inseguitori.

Ad ascoltare la Marsigliese insieme al pilota del team Monster Energy Yamaha MotoGP™, sul podio del Sachsenring, il connazionale Johann Zarco (Prima Pramac Racing), con cinque secondi di ritardo. Chiude la top 3 un’altra moto di Borgo Panigale, quella di Jack Miller (Ducati Lenovo Team), in rimonta dopo un long lap penalty.

DUELLO PER DUE

Allo start è Quartararo il più lesto: scattato dalla seconda casella, sovrasta il poleman Francesco Bagnaia (Ducati Lenovo Team) e si infila per primo nella curva 1 cercando di imporre il suo ritmo sfruttando la gomma media montata al posteriore, mentre la maggior parte della griglia era partita con la dura. Gli oltre 30 gradi di temperatura e le caratteristiche dell’asfalto tedesco facevano attendere un netto degrado degli pneumatici nelle ultimi fasi di gara.

LE PRIME SCHERMAGLIE

Al secondo giro Bagnaia va subito al contrattacco e affianca Quartararo alla prima staccata. Passa in testa ma va leggermente largo lasciando spazio al francese, che si infila senza fare complimenti. Poco più tardi si vedono scintille anche dietro ai due: Aleix Espargaro (Aprilia Racing), terzo, viene sorpassato da Zarco alla velocissima curva Waldmann: il numero 5 oggi appare più che determinato.

UNO SBAGLIO CHE COSTA CARO

Davanti Quartararo martella senza sbavature mentre Bagnaia perde qualche metro. All’inizio del terzo giro, cercando di tenere la ruota del francese, il numero 63 perde il posteriore in uscita dalla curva 1. Nella ghiaia, insieme a lui, sembrano finire anche le sue ambizioni iridate. Cade anche Joan Mir (Team Suzuki Ecstar).

BRACCIO DI FERRO A DISTANZA

Dopo un terzo di gara Zarco appare come l’unico in grado di poter impensierire Quartararo, nell’ottica di un finale in cui approfittare del minor degrado della mescola dura al posteriore. Il distacco del pilota Ducati oscilla poco oltre il secondo per diversi giri, mentre dietro i due alfieri Aprilia Racing, Aleix Espargaro e Maverick Vinales, viaggiano in tandem. Sono attardati di circa 3 secondi.

ZARCO NON MOLLA

Al quindicesimo dei trenta giri previsti Zarco mantiene costante il distacco dal leader, mentre Miller è in rimonta sulle Aprilia dopo essersi attardato a causa di un long lap penalty inflitto ieri per essere caduto in regime di bandiere gialle nelle FP4.

SORPASSI PER IL TERZO POSTO

Con le prime due posizioni consolidate, è la bagarre per il gradino più basso del podio a tenere viva l’attenzione: nell’ultimo terzo di gara Miller tenta per due volte l’affondo su Espargaro, ma lo spagnolo è sempre pronto a replicare. È un errore del pilota Aprilia al ventottesimo giro a consegnare all’australiano la terza piazza, mentre dietro ai due, quinto, sale un Luca Marini diretto verso la terza top 6 consecutiva sulla Ducati del Mooney VR46 Racing Team.

Fonte: motogp.com

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick