MotoGp, Sachsenring 2022: la pagella del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
motogp

FABIO QUARTARARO 10: Il francese è semplicemente maestoso. Si concentra sulla messa a punto della sua M1 e azzarda in gara la scelta della gomma media al posteriore. Il risultato è l’ipoteca sul titolo mondiale. El Diablo guida divinamente ed è bravissimo nell’esaltare le potenzialità della Yamaha. Guardate dove sono le altre M1 e capirete quanto sia incisivo e forte. Oltre al polso, a mio avviso, la differenza l’ha fatta la sua testa. E’ granitica e non soffre affatto le pressioni di nuvole rosse o macchie nere, anzi…Imperatore!

 

JOHANN ZARCO 9: Il pilota di Cannes è il primo degli umani al traguardo. E’ anche il primo dei ducatisti, seppur su una desmosedici privata. La piazza d’onore gli permette anche di consolidare la terza posizione in classifica generale. Chapeau!

 

JACK MILLER 7,5: L’australiano è abile nello sfruttare gli errori altrui e sale, così sul podio. C’è, però, poco da gioire perché le prende di brutto (quasi 4 secondi…) da un privato. Bene, ma non tanto!

 

ALEIX ESPARGARO 7: Per lo spagnolo non tutto è andato nel verso giusto. Nelle tornate finali, infatti, perde il podio ed è costretto ad accontentarsi della medaglia di legno. Un vero peccato, anche perché Quartararo in classifica allunga. Sveglia!

 

LUCA MARINI 7: Per l’italiano è un altro fine settimana positivo. Un piazzamento che fa tanto morale e che lo porta ad essere il primo italiano alla bandiera a scacchi. Bravino!

 

JORGE MARTIN 4: Lo spagnolo è autore di una gara anonima e le prende pure dal teammate. Maluccio!

 

PECCO PERGHIAIA 2: Non ne abbia a male il torinese per la facile ironia e per il voto basso. Anche questa volta ha dimostrato di non essere all’altezza del ruolo che, troppo frettolosamente, gli hanno affidato. Un campione avrebbe seguito El Diablo per gran parte della gara per, poi, capitalizzare gli eventuali suoi errori o sfruttare la superiorità della propria moto.  Pecco, invece, non ha retto la pressione ed ha commesso un errore banale (chi parla di complotti Michelin portasse le prove, altrimenti…). Errore che non è il primo, anzi…Bagnaia per me non ha le stimmate del campione e manca del guizzo tipico dei fuoriclasse. Gli auguro che possa smentirmi con un bel titolo mondiale pilota ma ad oggi i fatti, purtroppo, sostengono la mia valutazione. Bocciato!

 

YAMAHA: Prima solo con il migliore. Per il resto è notte fonda.

 

DUCATI: Piazzamenti inutili vista la evidente superiorità sulla concorrenza. Ma Bastianini ufficiale no?

 

APRILIA: Un piccolo passo indietro.

 

KTM: Indietro.

 

SUZUKI: scomparsa.

 

HONDA: Chi l’ha vista?

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick