Report quinto della MINI Challenge

 Report quinto della MINI Challenge


Il quinto e ultimo round della nona stagione del MINI Challenge è andato in scena nel “tempio della velocità”, con la complicità del meteo sereno, offrendo due gare spettacolari e combattute. Un degno finale, dunque, per una stagione adrenalinica. A conferma del successo del progetto, ben 19 le vetture al via a Monza, nonostante quello brianzolo fosse l’ultimo appuntamento della stagione, con i due titoli già assegnati nel round di Vallelunga a Gustavo Sandrucci per la classe Pro e a Giorgio Amati per la classe Academy. Apertissima, però, la sfida per il secondo posto in campionato, sia nell’assoluta che fra i giovani al volante della “Lite”, come sempre accompagnati da un tutor d’eccezione: l’ex pilota di F1 Gianni Morbidelli.

A Monza Gustavo Sandrucci si è confermato il dominatore della stagione: il laziale ha firmato la doppietta, come a voler dimostrare di essersi meritato a pieno il terzo titolo consecutivo nel MINI Challenge. Il portacolori del team Melatini ha iniziato con il piede giusto il weekend fin dalle qualifiche, aggiudicandosi la pole position davanti a Lorenzo Nicoli, con Silvestrini e Tramontozzi a completare la seconda fila.

La cronaca

Al via di gara1 Sandrucci va subito al comando con Silvestrini e Nicoli in bagarre per la seconda piazza, incalzati da Gagliardini e Tramontozzi. A interrompere le schermaglie, l’ingresso della safety car per rimuovere la MINI del pilota dell’Academy Sasha, rimasta nella ghiaia dopo un testacoda. Alla ripartenza Sandrucci prova ad allungare al comando, ma è costretto a lottare con Nicoli e Silvestrini. Nicoli riesce persino a portarsi davanti a Sandrucci in acrobazia ma mantiene la prima posizione solo per qualche curva, perché Sandrucci replica e si riporta davanti a tutti con un sorpasso perentoreo. Nicoli continua la bagarre respingendo Tramontozzi, che alla fine chiuderà sesto. Sul podio con Sandrucci, Lorenzo Nicoli e Paolo Silvestrini, mentre Andrea Gagliardini conclude quarto davanti ad Andrea Tronconi.

Da segnalare l’uscita di scena nelle prime fasi per il secondo in classifica Alessio Alcidi, dopo un contatto con Eduino Menapace.

“Pensavo di andarmene all’inizio, perché alle Lesmo guadagnavo molto, ma oggi è stata una gara sudata… Onore agli avversari, tutti molto corretti: è la vittoria numero 5 della stagione, la 17esima sulle MINI, non posso lamentarmi”, dichiara Sandrucci alla fine di gara1.

Gara 2

In gara2, con la griglia di partenza che inverte le prime otto posizioni rispetto all’ordine di arrivo di gara1, Gustavo Sandrucci scatta dall’ottava piazza ma firma il weekend perfetto mettendo a segno la seconda vittoria del weekend.

La gara vive un incidente spettacolare subito dopo il via, per il contatto fra

 

Filippo Bencivenni e Andrea Gagliardini, con la MINI di quest’ultimo che volteggia nell’aria prima di riappoggiarsi sull’asfalto del rettilineo. Con entrambi i piloti illesi, si procede a rimuovere le due vetture in regime di safety car, e alla nuova ripartenza Tramontozzi va al comando e prende subito un buon margine di vantaggio. Benché rimanga poco più di un quarto d’ora utile di competizione, Sandrucci riesce a colmare il divario, sorpassa Tramontozzi con decisione e conquista la testa della gara per mantenerla fino al comando, piazzandosi davanti a Tramontozzi e ad uno scalpitante Lorenzo Nicoli.

“All’inizio ero molto scosso per l’incidente, poi ho visto che riuscivo ad andare e ho continuato. Sono riuscito a riprenderli e ad andare in testa, ma non è stata facile”, dice Sandrucci dopo aver centrato la prima doppietta della stagione.

Ai piedi del podio un ottimo Roberto Gentili davanti a Tobia Zarpellon, mentre Alessio Alcidi risale fino alla settima posizione dalla diciottesima casella in griglia, ma perde la seconda piazza in campionato: alle spalle di Gustavo Sandrucci si piazza infatti Ivan Tramontozzi, con Alessio Alcidi sul terzo gradino dell’assoluta.

 

Nella classe Lite, riservata agli under 25, weekend da dimenticare per il neocampione Giorgio Amati, che ha mancato l’appuntamento con la bandiera a scacchi in entrambe le gare. Nella manche del sabato vittoria per Ugo Federico Bagnasco davanti a Marco Iannotta e a Giacomo Parisotto, mentre in gara2 dopo un lungo dominio di Bagnasco è la new entry Jochen Trettl a tagliare il traguardo davanti a Marco Iannotta e Ugo Federico Bagnasco.

La giornata di oggi si è conclusa con le premiazioni di fine stagione all’esterno dell’hospitality di MINI Italia, nel rigoroso rispetto dei protocolli anti-COVID, mantenendo sempre la sicurezza sanitaria dei piloti e degli addetti ai lavori in primo piano.

 

 

 

 

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *