MotoGp, Misano 2020: la pagella del Dicos

 MotoGp, Misano 2020: la pagella del Dicos


FRANCO MORBIDELLI 10: Vincere la prima gara nella top class sul tracciato di casa è il massimo. Il romano, a differenza del teammate, ha sempre mantenuto un profilo basso, nonostante il suo polso non avesse nulla da invidiargli. La sua è una gara da protagonista, dallo spegnimento del semaforo alla bandiera a scacchi. Il ritmo impresso è stato superiore a quello degli avversari e si gode, così, i primi applausi del pubblico del periodo Coronavirus. Se la squadra crederà in lui e se saprà tenere lontane le sirene del successo, sarà serio pretendente alla vittoria del titolo. Bravissimo!

 

FRANCESCO BAGNAIA 10-: Il torinese nonostante fosse ancora malconcio, è autore di una gara maiuscola, quasi fantastica. La piazza d’onore raggiunta in sella ad una Ducati non ufficiale, premia la sua caparbietà e la sua grinta. L’altra faccia felice della giornata è lui. Complimenti!

 

JOAN MIR 9: Strappa l’ultimo gradino del podio a suon di staccate e derapate. Regola dapprima la pratica del compagno di squadra poi quella dell’idolo di casa. Una gara semplicemente perfetta. Mirabolante!

misano

VALEVIAGRA ROSSI 8,5: Mister 9 volte presenta, per l’appuntamento di casa, un casco con un’aerografia che richiama quella che forse è la pasticca più conosciuta dagli uomini. Fino a quando ha fatto effetto, il dottore era pronto per arrivare sul podio. Purtroppo, però, è arrivato giù dal podio. La sua, tutto sommato, è una prova molto positiva perché a quell’età lottare con chi ha quasi la metà dei suoi anni e farcela quasi è tanta roba. Pur non essendo tra i miei piloti preferiti, il Vale merita tanto ma tanto rispetto. Peccato!

 

ALEX RINS 6: La posizione meriterebbe un voto più alto ma l’essere arrivato dietro a chi guida la stessa moto ed ha meno esperienza, ridimensiona quello che è un buon piazzamento. Ridimensionato!

 

MAVERICK VINALES 5: Non solo le prende da una Yamaha non ufficiale ma anche dal compagno di box. Lo spagnolo, ancora una volta, quando si è trattato di fare la differenza non l’ha fatta. Rimandato!

 

ANDREA DESMODOVI 6,5: Nonostante una gara a dir poco anonima, l’italiano sale in testa alla classifica mondiale. Massimizza, così, un piazzamento che lo ha visto dietro una Desmosedici non ufficiale. Sveglia!

 

YAMAHA: Meravigliosa.

 

DUCATI: Quasi meravigliosa.

 

SUZUKI: Una meraviglia.

 

KTM: Ex meraviglia.

 

HONDA: Male.

 

APRILIA: Incubo.

 

GOMMAGP: Sinceramente questo tipo di gare dove il gommista e le gomme fanno il bello e il cattivo tempo, non mi piace. Come si spiega l’involuzione di una moto che da vincitrice diventa, improvvisamente, un paracarro? Per me prima si arriva a una scelta plurale tra i costruttori di gomme e prima finiranno certi misteri che, a dire il vero, tanto misteriosi non sono.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *