F1, Mugello: le qualifiche delle Ferrari

 F1, Mugello: le qualifiche delle Ferrari


È stata una qualifica a due facce quella della Scuderia Ferrari al Gran Premio della Toscana – Ferrari 1000 che prenderà il via domani alle 15.10 all’Autodromo Internazionale del Mugello. Charles Leclerc è stato infatti in grado di centrare una splendida quinta posizione, mentre Sebastian Vettel dovrà schierarsi in settima fila, nella casella numero 14, dopo essere stato eliminato nella seconda fase della sessione.

Q1

Tutte le squadre hanno da subito puntato sulla gomma Soft, che fin dalle prove del venerdì sull’asfalto toscano si è nettamente dimostrata la più performante sul giro secco. Sebastian ha centrato 1’17”343, mentre Charles è sceso fino a 1’17”048, tempi non sufficienti a garantire il superamento del turno. Per questo, dopo aver atteso che la pista si velocizzasse grazie al passaggio delle altre monoposto, le due SF1000 sono tornate sul circuito con altrettanti treni di gomme nuove. In quel momento Seb era 18° ma il tedesco è riuscito a rientrare tra i migliori 15 con 1’17”072. Charles a propria volta ha portato il proprio limite a 1’16”698.

Q2

Dopo aver passato il turno, entrambi i piloti della Scuderia sono scesi in pista nel Q2 con gomme Soft. Delle due SF1000 la prima a far segnare un tempo è stata la numero 5 di Seb che ha centrato 1’17”006, mentre Charles poco dopo è transitato in un buon 1’16”324. La squadra a quel punto ha preparato altri due treni di Soft rimandando in pista i piloti per un altro tentativo. Vettel è riuscito a migliorarsi scendendo a 1’16”858 ma è comunque rimasto escluso con il 14° tempo, mentre Leclerc non ha ritoccato la propria prestazione ma è comunque stato promosso al Q3 in ottava posizione.

Q3

Nella fase decisiva per l’assegnazione delle prime cinque file, Charles è inizialmente uscito dai box con pneumatici usati, avendo deciso di tenere l’unico set di gomme Soft nuove per il momento in cui la pista fosse stata nelle condizioni ottimali. Su questo asfalto, tuttavia, specie sul giro secco, la differenza in termini di usura si fa molto sentire e così il monegasco non è stato in grado di andare oltre un modesto 1’17”739. Rientrato al box, sulla SF1000 numero 16 sono state cambiate le gomme e Charles è stato capace di superarsi, fermando i cronometri a 1’16”270, quinto miglior tempo.

Momento speciale

Il millesimo Gran Premio della Ferrari prenderà il via, come detto, alle 15.10. Le celebrazioni per questa ricorrenza vedranno un altro capitolo poco prima delle 14, quando il figlio d’arte e pilota della Ferrari Driver Academy (FDA) Mick Schumacher scenderà in pista al volante di una F2004 che venne guidata dal padre Michael nella sua ultima stagione iridata.

 

Charles Leclerc #16

 

“Sono contento di essere tornato nella top ten, il Q3 nelle ultime due gare mi è mancato parecchio! Recentemente abbiamo faticato davvero tanto ed è bello rivedere finalmente un po’ di luce. Penso che le ragioni che ci hanno portato ad avere un passo così buono non ci siano ancora completamente chiare ma sarà molto importante cercare di capire a quali dinamiche siano connesse perché è così che possiamo dare costantemente il meglio.

Le caratteristiche di questa pista probabilmente si sposano meglio con la nostra vettura e credo che il pacchetto per circuiti da medio carico aerodinamico sia meglio di quello che abbiamo per tracciati come Monza o Spa: su quelle piste ho faticato tantissimo a guidare la macchina mentre qui mi sono sentito decisamente più a mio agio, e questo mi ha aiutato a prendere confidenza con il Mugello.

La quinta posizione era il massimo cui potevamo ambire oggi e, anche se ci manca prestazione rispetto a chi ci precede, mi sento di dire che in termini di bilanciamento la vettura fosse molto a posto.

La gara non sarà affatto facile perché abbiamo diverse monoposto dietro di noi che hanno il potenziale per essere più veloci, ma speriamo di riuscire a offrire ai nostri tifosi un po’ di divertimento e magari di concludere in questa stessa posizione se non meglio”.

 

Sebastian Vettel #5

 

“Ho commesso un errore in Q1, eppure sono stato in grado di migliorare il mio tempo e passare il turno. Poi però non siamo più stati capaci di progredire e far crescere la nostra prestazione. Dobbiamo dare un’occhiata ai dati, ma fino a questo momento non mi sono sentito troppo a mio agio con la vettura.

Ci proverò, tuttavia domani la gara sarà piuttosto complicata, specie considerando la mia posizione di partenza dalla quale sarà difficile mostrare il nostro vero passo. Non posso essere contento di questo risultato ma devo ammettere di aver faticato un po’ fin qui in questo weekend. Vediamo cosa succederà domani. Per quanto riguarda i sorpassi, tutti dicono che qui saranno quasi impossibili, ma in effetti non abbiamo mai gareggiato al Mugello, quindi com’è per davvero lo scopriremo solo domani”.

 

Laurent Mekies Direttore Sportivo

“Dopo due weekend molto duri come quelli di Spa e Monza volevamo invertire la tendenza e credo che ci siamo riusciti. Charles ha ottenuto un quinto posto, ritornando almeno il sabato davanti al gruppo di piloti che di solito si danno battaglia in pochi decimi, che rappresenta il massimo cui possiamo attualmente puntare.

Per Sebastian il risultato non è stato altrettanto buono ma i distacchi sono stati molto ridotti: cinque millesimi in meno e avrebbe guadagnato due posizioni. Domani ci aspetta una gara molto difficile su una pista impegnativa tanto per le vetture che per i piloti ma affascinante e spettacolare.

Ci saranno almeno dieci monoposto in lotta per le posizioni immediatamente dopo il podio e dovremo essere perfetti sotto ogni punto di vista: strategia, affidabilità, operazioni in pitlane. L’obiettivo rimane quello di sempre: raccogliere quanti più punti possibile, con la motivazione supplementare di voler onorare al meglio i mille Gran Premi della Scuderia nel Campionato del Mondo di Formula 1”.

Fonte: ferrari.com

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *