Coppa Italia: il Milan vola in semifinale

 Coppa Italia: il Milan vola in semifinale


Pareggiando nel recupero e segnando i gol-vittoria nel secondo tempo supplementare, il Milan batte 4-2 il Torino e si qualifica – per la terza stagione consecutiva – alla Semifinale di Coppa Italia. È stata una sfida dalle mille emozioni, che ad un certo punto sembrava scappare via ma che alla fine i rossoneri si sono ripresi con forza. È stato Çalhanoğlu il trascinatore della rimonta, protagonista di una doppietta che ha ribaltato i granata; in gol anche Bonaventura e Ibrahimović, al primo sigillo a San Siro dopo il suo ritorno. Un grande risultato, pesante e importante, che adesso permetterà di affrontare la Juve (andata e ritorno). Una prestazione di volontà e di cuore: il Diavolo ha voluto questo successo a tutti i costi, senza mai mollare. Segnali positivi, segnali di crescita. Da sottolineare anche il toccante omaggio di tutto lo stadio prima del fischio d’inizio in memoria di Kobe Bryant, calorosamente ricordato e applaudito dai 36.462 spettatori. Nel weekend, domenica 2 febbraio alle 15.00, il Milan tornerà in campo sempre in casa ospitando l’Hellas Verona in campionato.

LA CRONACA

È Rebić il più ispirato in avvio. Dopo un tiro murato e un bello scambio con Hernández, al 12′ serve l’assist per Bonaventura: il croato crossa rasoterra, a Jack il facile compito di appoggiare a porta vuota. I rossoneri continuano ad attaccare, pericolosi Castillejo e Rebić, ma al 34′ il Torino pareggia: Verdi libera Bremer, che batte Donnarumma in uscita. Diavolo di nuovo avanti: al 44′ colpo di testa impreciso di Krunić sottomisura. Occasioni anche a inizio di ripresa, soprattutto al 58′ quando Romagnoli incorna da pochi passi mandando alto. Al 71′, però, arriva la doccia fredda a causa della doppietta di Bremer, pescato da Aina, spizza di testa all’angolino. Milan alla ricerca del pari, trovato al 91′ grazie alla botta dal limite di Çalhanoğlu. In pieno recupero si scatena Ibrahimović, che spreca una grande chance da pochi passi. Si va ai supplementari. Al 95′ Hakan, servito da Leão, ha un’enorme palla-gol ma Sirigu compie un miracolo e salva. Al 103′ Hernández si inserisce e tira quasi a botta sicura, il portiere avversario repinge ancora. Poi al 106′ e al 108′ i rossoneri calano il poker e chiudono i giochi: segnano Çalha di collo sinistro e Ibra di piatto destro.

IL TABELLINO

MILAN-TORINO 4-2 d.t.s.

MILAN (4-4-2): G. Donnarumma; Conti, Kjær, Romagnoli, Hernández; Castillejo, Krunić (37’st Çalhanoğlu), Bennacer, Bonaventura (31’st Leão); Piątek (20’st Ibrahimović), Rebić (1’sts Kessie). A disp.: Begović, A. Donnarumma; Calabria, Gabbia; Paquetá; Suso. All.: Pioli.

TORINO (3-4-2-1): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer (38’st Djidji); De Silvestri (7’sts Laxalt), Rincon (7’sts Lyanco), Lukic, Aina; Verdi, Berenguer (45’st Millico); Belotti. A disp.: Rosati, Ujkani; Singo; Adopo. All.: Mazzarri.

Arbitro: Pasqua di Tivoli.
Gol: 12′ Bonaventura (M), 34′ e 26’st Bremer (T), 46’st e 1’sts Çalhanoğlu (M), 3’sts Ibrahimović (M).
Ammoniti: 22′ Rincon (T), 30′ Hernández (M), 37′ Izzo (T), 37′ Rebić (M), 8’st Kjær (M), 30’st Krunić (M), 3’pts Conti (M), 8’pts Mazzarri (T), 6’sts Ibrahimović (M).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *