Charles Leclerc ha ottenuto la settima pole position stagionale per la Scuderia Ferrari, la sesta personale per il monegasco che è stato l’unico ad andare sotto il limite dell’1’32” sul tracciato del Sochi Autodrom. Domani alle 14.10 locali (13.10 CET) la due SF90 si schiereranno una dietro l’altra dopo che Sebastian Vettel per la seconda qualifica di fila ha ottenuto la terza posizione, di un soffio alle spalle di Lewis Hamilton (a Singapore 29 millesimi, a Sochi 23). Per la Scuderia Ferrari si tratta della pole position numero 226, mentre per la prima volta dal 2008 la squadra italiana ha ottenuto più di sei partenze dalla prima posizione. Charles, dal canto suo, diventa il primo pilota di Maranello dai tempi di Michael Schumacher a dominare quattro qualifiche consecutivamente: l’asso tedesco ci era riuscito per l’ultima volta nel 2000 (Italia, Stati Uniti, Giappone e Malesia).

Q1. La prima parte della qualifica è stata a due facce per Charles e Seb. Il monegasco ha infatti stabilito un ottimo 1’33”613 con gomme Medium al primo tentativo. Il tedesco ha invece commesso un errore nel terzo settore che lo ha costretto ad alzare il piede e a rilanciarsi. A quel punto però è successo di tutto. Per due volte Sebastian ha iniziato il suo giro veloce ma altrettante bandiere gialle, innescate prima da Robert Kubica e poi da Alexander Albon, hanno vanificato i suoi sforzi. L’uscita del pilota thailandese poco dopo ha addirittura portato all’esposizione della bandiera rossa, costringendo Sebastian a tornare in pista con un set di gomme Soft con il quale ha passato facilmente il turno in 1’33”032.

Q2. Nella seconda fase Charles ha montato il suo primo treno di gomme Soft centrando subito un ottimo 1’32”434. Sebastian è invece sceso in pista con lo stesso set del Q1 ottenendo un buon 1’33”091, poi migliorato fino a 1’32”536 dopo un passaggio ai box per montare pneumatici nuovi, ancora di mescola morbida.

Q3. Nell’ultima fase della qualifica Charles e Seb hanno potuto disporre di due treni di gomme Soft ciascuno. Nel primo tentativo il monegasco ha fermato i cronometri a 1’31”801, mentre il tedesco ha ottenuto 1’32”135. Dopo il cambio di pneumatici, Charles è riuscito a migliorarsi ulteriormente portando il limite a 1’31”628. Anche Sebastian è stato in grado di scendere fino a 1’32”053, ritrovandosi per la seconda volta dietro a Hamilton per un soffio.

Tutto in famiglia. A premiare Charles per la pole position con la consueta gomma Pirelli in miniatura è stato Robert Shwartzman, pilota russo della Ferrari Driver Academy che in mattinata si era laureato campione di Formula 3 con una gara d’anticipo nella corsa vinta dall’altro talento di FDA, Marcus Armstrong. Una questione tutta in famiglia, insomma…

Charles Leclerc #16
“La vettura era molto divertente da guidare oggi. Credo che il team abbia fatto un ottimo lavoro anticipando i cambiamenti della pista e assettando la vettura di volta in volta nella maniera migliore.
Nelle qualifiche da qualche gara abbiamo cominciato a concentrarci soprattutto su noi stessi e questo sembra dare i propri frutti. Per quanto mi riguarda, io continuo a lavorare sulle mie carenze e studio per migliorare quanto più possibile.
Il mio miglior giro nel Q3 è stato ottimo, a parte nel momento in cui ho perso il posteriore della vettura nelle curve 16 e 17. Nel complesso, comunque, non posso che essere soddisfatto di questo risultato, anche se ora sono già focalizzato sulla corsa.
Il nostro passo gara nelle seconde libere è stato buono e questo è positivo. Partiamo con mescole diverse da quelle scelte dagli avversari diretti ma non credo che ci sia una grande differenza tra Soft e Medium in termini di degrado. Sarà decisivo ma difficile tenersi tutti dietro al via perché per arrivare alla curva due c’è un lungo tratto da fare in pieno. Io ce la metterò tutta”.

Sebastian Vettel #5
“Nel complesso sono piuttosto contento della vettura anche se non posso essere competamente soddisfatto. Il Q1 è stato molto complicato: ho commesso un errore nel mio primo tentativo e poi sono stato rallentato da due bandiere gialle.
Nel Q3 ho faticato un po’ a trovare il ritmo e anche verso la fine non sono riuscito a dare il massimo, proprio quando sarebbe stato vitale estrarre il massimo potenziale dalla vettura.
La corsa tuttavia è domani e sono fiducioso: abbiamo bisogno di una buona partenza e poi penseremo a tutto il resto. Partiamo dalla parte pulita della pista e con gomme Soft, mentre le Mercedes saranno con le Medium. Sarà interessante vedere chi avrà azzeccato la strategia e mi aspetto una battaglia interessante. Io credo che la nostra scelta sia corretta e che ci permetta di avere un buono spunto in partenza. Inoltre al via c’è un lungo tratto da affrontare in pieno e questo dovrebbe avvantaggiarci. Anche l’effetto scia, non scattando davanti, potrebbe aiutarmi”.

Mattia Binotto Team Principal
“Siamo contentissimi per la qualifica, già ieri ci eravamo resi conto che avevamo una macchina veloce e oggi abbiamo concretizzato il risultato. Charles ha fatto ancora una volta un bel giro, pur commettendo qualche piccolo errore, il che dimostra che il suo potenziale era addirittura superiore. D’altro canto questa è una pista dall’asfalto molto liscio, sulla quale è facile sbagliare.
Seb si è qualificato terzo, che forse in ottica di partenza è persino meglio che secondo, ma è chiaro che fare nostra l’intera prima fila sarebbe stato bello.
La SF90 è migliorata, abbiamo accelerato il nostro sviluppo per avere più resistenza e carico aerodinamico e grazie anche al nuovo pacchetto ora perdiamo meno in curva e il bilanciamento generale è buono.
Pensando alla gara, la fase chiave sarà probabilmente la partenza ma sarà interessante anche vedere come si comportano le mescole di pneumatici che sono diverse tra noi e i nostri avversar

Fonte: ferrari.com