Hyundai Motorsport è pronta ad affrontare il Rally di Turchia, undicesimo round della stagione 2019 del Mondiale Rally WRC, con l’obiettivo di mantenere ed estendere la leadership della classifica costruttori.

Il passo competitivo mostrato dalla Hyundai i20 Coupe WRC sull’asfalto del Rally di Germania è stato sfortunatamente rallentato da un problema alla trasmissione nella giornata di venerdì e da una foratura a metà di una speciale il giorno successivo. Ciò nonostante il team è riuscito a mantenere la leadership del campionato, a sole quattro gare dalla fine della stagione. I

l Rally di Turchia vede un ritorno su sterrato, in un evento dove le impegnative temperature e prove speciali mettono a dura prova le auto e i loro motori. Diversi percorsi si snodano lungo la pittoresca costa della Riviera Turca in cui le strade rocciose possono essere imperdonabili e dove un approccio intelligente risulta essere più importante della pura velocità.

La Turchia è un luogo speciale per Hyundai come patria della i20 stradale, che viene prodotta nello stabilimento Hyundai Assan Izmit, vicino a Istanbul. Lo stabilimento ha una capacità massima di produzione di 245.000 unità all’anno, con i modelli i10 e i20, e agisce come porta d’ingresso di Hyundai in Europa insieme alla sua fabbrica in Repubblica Ceca. Al Rally di Turchia, Hyundai Motorsport schiererà gli stessi tre equipaggi in azione del Rally di Germania: Thierry Neuville/Nicolas Gilsoul e Andreas Mikkelsen/Anders Jæger-Amland saranno affiancati da Dani Sordo/Carlos del Barrio, per la prima prova su sterrato dell’equipaggio spagnolo dopo la vittoria al Rally di Sardegna. I piloti hanno avuto modo di testare le Hyundai i20 Coupe WRC su terra in vista dell’appuntamento turco, alla ricerca di una prova di squadra incisiva e affidabile.

“Siamo determinati a dimostrare passo competitivo e affidabile. A soli quattro round dal termine della stagione non possiamo permetterci di non ottenere risultati positivi e costanti. Tutti e tre i nostri equipaggi hanno ottenuto buone performance su sterrato quest’anno, e in Turchia proveremo a conquistare la nostra quarta vittoria stagionale. Non c’è spazio, né scusa, nemmeno per il più piccolo errore” – ha dichiarato il Team Director Andrea Adamo.

Il Rally di Turchia

  • L’appuntamento è suddiviso in 17 prove per una distanza complessiva di 309,86 km
  • La gara inizia con i 2 km dello sprint di Marmaris Marina
  • Nella giornata di venerdì gli equipaggi copriranno più della metà del percorso con quasi 160 km in sei speciali
  • Le sei prove del sabato, più brevi, includono lo scenico Datça e il nuovissimo Kizlan
  • Domenica gli equipaggi affronteranno quattro speciali che termineranno con la Power Stage Marmaris