Il round austriaco della MotoGp ha offerto uno spettacolo molto bello da vedere e entusiasmante per i colori italiani.

Al termine di un duello a dir poco adrenalinico, con un sorpasso da manuale, Desmodovi ha vinto di misura su un mai domo Marc Marquez; l’Inno di Mameli è stato, così, melodia dolcissima non solo per gli uomini del box ducatista.

Il Red Bull Ring si conferma per l’asso spagnolo della Honda ancora una volta stregato anche se va detto che la moto dell’ala dorata non ha più quasi nulla da invidiare in termini di potenza pura all’avversaria italiana. Il successo del Dovi è stato frutto essenzialmente del suo cuore e della sua voglia di crederci fino alla fine oltre che ad una scelta di mescola delle gomme indovinata.

Una vittoria che arriva in un momento particolare, quando lo stesso Luigi Dall’Igna ha ammesso candidamente di aver fatto un tentativo per riportare Jorge Lorenzo all’ombra della Ducati. Un successo che, a mio parere, per quanto bello e pazzesco, non trasforma il Dovi in fenomeno; per me era e rimane un ottimo pilota, ma per puntare al successo finale occorre altro.

Altro che, a mio avviso, è inutile cercare di nuovo in Lorenzo. Il maiorchino nelle ultime 3 stagioni ha collezionato un bottino di soli 3 primi posti, una piazza d’onore e 2 terzi posti.

Quell’Jorge che dopo aver incassato dalla Ducati 25 milioni di euro in 2 anni come ingaggio ha fallito la mission di vincere il mondiale, mentre il non fenomenale teammate vinceva di più. Il pilota che con la stessa moto di Marquez non ha mai convinto, non è mai stato della partita, che ha rischiato di far male al Gran Premio di Catalogna 3 suoi colleghi e che oggi è alle prese con i postumi di un infortunio. Non me ne voglia lo spagnolo numero 99, ma per me è in una fase calante della carriera; forse tornerà a vincere qualche gara, ma per la lotta al titolo, salvo miracoli, non lo vedo.

In Ducati se vogliono sfatare il tabù mondiale hanno 2 strade da percorrere: la prima è quella di puntare su Jack Miller e cercare di strappare alla concorrenza uno tra Fabio Quartararo e Alex Rins. Questi piloti giovani, se inquadrati e messi nelle giuste condizioni, potranno dire la loro per battere il marziano. Occorrono, però, pazienza e determinazione, elementi che oggi non vedo abbondanti nel box desmodromico.

L’altra strada per la Ducati è quella di convincere il più forte degli ultimi tempi a cavalcare la bestia rossa e zittire coloro che sostengono che i suoi successi siano facilitati dalla tecnologia “Made in Honda”. Non è una questione di ingaggio ma di motivazione: Marc sei già nella storia ma ti offriamo la possibilità di diventare leggenda…Chi vivrà vedrà.

 

Se pensiamo che quando le cose vanno male per Marquez queste hanno il sapore del record di 59 pole position e della seconda piazza, vuol dire che c’è poco da dire sul suo talento.

A proposito di talento: visto come va forte Quartararo? El diablo è cosa buona e giusta dato che con una moto non ufficiale ha battuto, ancora una volta, gli ufficiali Valentino Rossi e Maverick Vinales.

A dire il vero mi sento di fare i complimenti a Rossi, non solo perché è ritornato ad essere il primo pilota Yamaha in classifica generale ma perché alla sua età ha ancora grinta e motivazioni da vendere.

Vinales, purtroppo, continua a deludere; scommettiamo che a Silverstone vincerà lui?