Weekend di motori denso di emozioni alla 69^ edizione della Trento Bondone, per il pilota Francesco Michea Carini, che si è “laureato” all’università delle salite europee grazie al buon feeling con la Wolf Thunder motorizzata Aprilia ottimamente messa a punto dalla Scuderia Best Lap. Ottiene il primo posto di classe nella 1.000 di cilindrata nonostante un testacoda, in una competizione resa viscida dalla pioggia incessante iniziata a metà gara. Francesco Carini è riuscito a tenere i nervi saldi e non perdere la concentrazione prima dell’inizio della competizione, dopo che una fortissima pioggia si è abbattuta sul tracciato poco prima del suo turno di guida. A quel punto la gara è stata dichiarata bagnata e tutte le posizioni di arrivo si sono rimescolate, per via delle condizioni proibitive a causa dell’asfalto reso insidioso dal fogliame caduto a terra con la tempesta e che hanno influito sulle prestazioni degli ultimi piloti a prendere lo start. Sono stati necessari 40 minuti di pausa per far montare le gomme alle ultime vetture rimaste, quelle auto con maggior potenziale per la vittoria finale e montando le gomme rain per Francesco è iniziata un’avventura lunga 17 chilometri e 300 metri. Non avendo mai guidato quest’auto sul bagnato e oltretutto con gomme rain usate con mescola dura, i primi metri sono stati utilizzati per capire le reazioni con poco grip. Carini ha dovuto anche ripartire per due volte, visto che il suo avversario Schena, l’altro concorrente con la Wolf che lo precedeva in partenza ha avuto un incidente dopo il primo chilometro di gara e ostruiva completamente la sede stradale. La prova trentina valida per il Campionato Europeo ed Italiano Montagna è la competizione più estrema per uomini e mezzi, con 102 curve, tornanti e tratti veloci dove il minimo errore viene pagato caro. Il portacolori Best Lap ha così ottenuto subito due vittorie, la prima ad Ascoli Piceno una settimana fa, nelle prime due apparizioni nella specialità in salita con questa nuova auto.

Francesco Carini ha commentato – “sono ancora emozionato a distanza di alcune ore dalla fine della gara, è veramente bellissimo partecipare a questa storica manifestazione e ottenere un buon risultato al Bondone. La mia prima soddisfazione è quella di essere arrivato al traguardo, perchè è la gara più lunga e difficile per noi piloti. Poi aver ottenuto il primo posto con questa nuova auto è speciale, siamo partiti sabato in prima manche con la difficoltà di girare nei tornanti strettissimi verso la fine del tracciato, poi il problema sono stati i sorpassi che qui sono frequentissimi. La Thunder però è davvero agile e grazie alle ottime regolazioni decise assieme al Team Best Lap e coadiuvato dalle gomme Pirelli ho ottenuto un risultato da incorniciare. Sicuramente avrei voluto correre con le slick per testare le ultime regolazioni di assetto che avevamo deciso sabato in prova, ma ci rifaremo nella prossima gara. Voglio ringraziare tutti i componenti della Scuderia e Team Best Lap per aver creduto in me e per avermi messo a disposizione una Wolf da urlo”.