SBK, la prima tripletta di Rea

 SBK, la prima tripletta di Rea


Anche l’atto finale del Campionato del mondo MOTUL FIM Superbike in Inghilterra è stato un emozionante incontro. È stata azione pura dall’inizio fino alla fine della corsa con Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) impegnato a difendere la prima posizione da un determinatissimo Toprak Razgatlioglu (Turkish Puccetti Racing).

Arrivati alla curva 11, il quattro volte campione del mondo, scattato dalla pole position, è andato all’attacco per mantenere il controllo della corsa senza permettere al giovane pilota turco di superarlo mentre Alvaro Bautista (ARUBA.IT Racing – Ducati) è finito in terza posizione.

Alla Old Hairpin lo spagnolo è stato superato dal padrone di casa Leon Haslam (Kawasaki Racing Team WorldSBK). Chaz Davies è stato forte fin dall’inizio della corsa prendendosi il quinto posto alle spalle del suo compagno di box. Un giro più tardi, Jordi Torres (Team Pedercini Racing) ha dovuto abbandonare la gara, mentre Razgatlioglu si prendeva la prima posizione andando a caccia della sua prima vittoria nel WorldSBK.

Con una forte frenata alla Melbourne Loop, il pilota turco è riuscito a consolidare il suo vantaggio ma due giri dopo Rea è arrivato superando il giovane talento che si è visto superare anche da Haslam alla Foggy Esses. Ma alla Melbourne Loop, Razgatlioglu ha restituito la posizione all’inglese. Successivamente, il 22enne ha superato ancora una volta Rea che non si è comunque rassegnato e ha seguito da molto vicino Razgatlioglu. Il turco e il nord-irlandese hanno preso vantaggio da Haslam terzo e da Bautista.

Dopo 12 giri, Toprak ha fatto un errore alla Foggy Esses permettendo a Rea di riprendersi la prima posizione. Un giro dopo la battaglia per il terzo posto è entrata nel vivo con Bautista che è riuscito a strappare il podio ad Haslam. Dopo numerosi cambi di posizione, Loris Baz (Ten Kate Racing – Yamaha) ha chiuso Haslam che si è così trovato davanti ad Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team), sesto. Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK Team) era settimo dopo essere scattato dalla decima posizione in griglia mentre Davies era passato in ottava posizione.

C’è stato un cambio di posizioni per il quinto posto tra Lowes e Baz visto che l’inglese ha mandato largo il francese alla Foggy Esses mentre avanzava verso la Melbourne Loop. Ancora più indietro il vincitore di Donington Park del 2018, Michael van der Mark (Pata Yamaha WorldSBK Team) che si è piazzato davanti a Davies in ottava posizione.

Nella parte finale della gara, c’erano due battaglie: quella tra Rea e Razgatlioglu per il primo posto, e quella tra Bautista, Lowes, Haslam e Baz per il terzo, con Lowes che ha superato Haslam a tre giri dalla fine. All’ultimo giro, in mezzo secondo tra i primi due, Bautista si è preso la terza piazza. Avendo tagliato per primo il traguardo, Jonathan Rea ha completato la prima tripletta dell’anno a Donington Park, nel suo Round di casa dove ha anche preso il comando della classifica generale.

Razgatlioglu firma un altro podio grazie al secondo posto, mentre Bautista ottiene il primo podio del fine settimana e si trova ad inseguire Rea a 24 punti di distacco. Quarto posto per Lowes che si piazza così davanti ad Haslam e a Baz.

Tom Sykes conclude una buona gara col settimo posto seguito da Michael van der Mark e da Chaz Davies, decimo Marco Melandri (GRT Yamaha WorldSBK).
Peter Hickman (BMW Motorrad WorldSBK Team) si piazza 11 °, davanti a Michael Ruben Rinaldi (BARNI Racing Team), seguono Sandro Cortese (GRT Yamaha WorldSBK), Leandro Mercado (Orelac Racing VerdNatura) e Alessandro Delbianco (Althea Mie Racing Team) a completare la zona punti.

Fonte: worldsbk.com

Загрузка...


Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *