L’Italia non rallenta la corsa nella Volleyball Nations League femminile e grazie al 3-1 (25-17, 25-21, 23-25, 25-13) sulla Corea del Sud sale al primo posto della classifica generale.

Davanti al pubblico del Pala Barton di Perugia le ragazze di Mazzanti hanno ottenuto il secondo successo consecutivo e sono salite a quota 9 vittorie (28 punti). Dopo il 3-1 contro le asiatiche le vice campionesse mondiali sono a un passo dalla Final Six di Nanchino (3-7 luglio 2019): alla nazionale tricolore servirà una vittoria da 3 punti domani contro la Russia per avere l’aritmetica certezza della qualificazione.

Contro la Corea del Sud le ragazze di Davide Mazzanti hanno disputato un ottimo primo set, guidate dalla coppia Pietrini-Egonu. Più complicata la seconda frazione, le azzurre hanno dovuto rincorrere a lungo le avversarie e poi nel finale hanno fatto la differenza a muro.

Nella terza frazione la nazionale tricolore è scappata avanti, prima di incappare in diversi passaggi a vuoto che hanno permesso alle asiatiche di balzare in testa. Nel finale le ragazze di Mazzanti hanno tentato senza successo la rimonta.
L’Italia non ha commesso lo stesso errore nel quarto set: una volta avanti le vice campionesse iridate hanno fatto il vuoto e si sono aggiudicate la vittoria.
Al termine della gara Paola Egonu ha accusato un mancamento ed è stata accompagnata in barella fuori dal campo.

La migliore marcatrice dell’incontro è stato l’opposto azzurro, autrice di 27 punti (3 aces e 2 muri). Buona anche la prestazione di Lucia Bosetti, molto preziosa in alcune fasi della partita. A muro, 5 firmati da Danesi, l’Italia ha stravinto il duello (12 a 2), mentre le coreane hanno commesso meno errori (19 contro 31).
Domani Malinov e compagne chiuderanno la tre giorni umbra affrontando la Russia (ore 20, diretta canale NOVE e Eurosport 2), oggi vincitrice 3-0 (25-20, 25-23, 25-16).

CRONACA

Come formazione iniziale Mazzanti ha schierato Malinov in palleggio, opposto Egonu, schiacciatrici Pietrini e Lucia Bosetti, centrali Fahr e Danesi, libero De Gennaro.
Nel primo set una scatenata Elena Pietrini ha lanciato la fuga azzurra, mentre le coreane hanno dovuto rinunciare quasi subito a Jung Dae (7-3). Il turno in servizio di Egonu ha permesso all’Italia di allungare ulteriormente (13-6), mettendo in grossa difficoltà le avversarie. L’asse Malinov-Fahr ha prodotto ottime cose, così come l’ingresso di

Sorokaite che con un ace ha chiuso il set (25-17).
Più complicata la seconda frazione, un gran turno in battuta di Kim Yeon ha spinto indietro le azzurre che hanno commesso diversi errori (13-16). L’Italia ha faticato a prendere ritmo e le avversarie ne hanno approfittato, restando al comando (16-19). La reazione tricolore è arrivata per mano di Egonu e di Lucia Bosetti, quest’ultima autrice di uno splendido uno-due: attacco piazzato e muro (21-19). Nel finale a fare la differenze è stato il muro azzurro (3 di Danesi), contro il quale le coreane sono andate a sbattere ripetutamente (25-21).

Lanciata la partenza delle vice campionesse mondiali nel terzo set, ma la Corea del Sud si è prontamente rifatta sotto (6-3). Le battute di Anna Danesi hanno consentito all’Italia di guadagnare un buon margine (14-10), poi la ricezione azzurra è calata e le asiatiche, dopo un lungo inseguimento, hanno messo la testa avanti (20-22). Combattute le fasi finali: Lucia Bosetti ha guidato le compagne sul (23-23), tuttavia le coreane hanno approfittato della prima palla set (23-25).

Al rientro in campo le azzurre sono tornate padrone del gioco, in evidenza Paola Egonu con bella serie di attacchi (10-5). A differenza del set precedente le azzurre non hanno concesso alle coreane chances di rimonta e la fasi successive si sono trasformate in un monologo tricolore (25-13).

PRECEDENTI In totale sono 73 i precedenti tra Italia e Russia e il bilancio per le azzurre è di 22 vittorie e 51 sconfitte.

DAVIDE MAZZANTI

“Loro hanno battuto davvero forte, sapevamo che avrebbero spinto da questo punto di vista e noi abbiamo sofferto molto in cambio palla, non riuscendo mai a essere fluidi.
In fase break invece abbiamo fatto bene, in sostanza è come se avessimo fatto solo il nostro compitino e quando rallentiamo diventa tutto un po’ complicato. Onestamente oggi non siamo contenti della prestazione perché abbiamo fatto fatica a dare continuità nel gioco; felici per il risultato ma non della prestazione. Domani dobbiamo vincere ancora per conquistare l’accesso alla Final Six”.

LUCIA BOSETTI

“Sappiamo che c’è ancora tanto da fare, molte di noi hanno riposato pochissimo, non abbiamo praticamente mai smesso e onestamente non è sempre facile trovare con continuità il ritmo gara in una manifestazione così lunga. Noi sappiamo che il torneo di Qualificazione Olimpica di Catania sarà il nostro obiettivo principale di stagione, quindi lavoriamo con l’intenzione di arrivare a quel week end nella migliore condizione possibile. Per quanto riguarda la gara di stasera siamo consapevoli che non è ; stata la nostra migliore performance, ma era importante vincere e noi lo abbiamo fatto”.

TABELLINO

Italia – Corea del Sud 3-1 (25-17, 25-21, 23-25, 25-13)

ITALIA: Malinov 5, Fahr 11, Pietrini 13, Egonu 27, Danesi 11, L.Bosetti 11. Libero: De Gennaro. Sorokaite 1, Parrocchiale. N.e: C. Bosetti, Alberti (L), Orro, Chirichella e Sylla. All. Mazzanti
COREA DEL SUD: Kang S. 5, Jung Dae, Lee D., Kim Yeon 16, Lee J. 6, Kim H 11. Libero: Oh. Park 3, Pyo 3, An, Kim Y. (L), Jeong. N.e: Han, Choi. All. Lavarini
Arbitri: Kovar (Rep.Ceca) e Rodriguez (Spa)