Campionati Mondiali Para-Archery, bronzo misto compound per Virgilio e Simonelli

 Campionati Mondiali Para-Archery, bronzo misto compound per Virgilio e Simonelli


Primo giorno di finali ai Mondiali Para-Archery di ‘s-Hertogenbosh, in Olanda. L’Italia vince il bronzo nel mixed team compound e si piazza tre volte quarta. Sfuma l’ottavo pass per le Paralimpiadi, domani doppia possibilità di medaglia nel ricurvo.

Prima giornata di finali ai Mondiali Para-Archery

Prima giornata di finali ai Mondiali Para-Archery di ‘s-Hertogenbosch, in Olanda, contraddistinta da un clima poco primaverile, con un vento insidioso, temperatura sotto i 15° e anche qualche goccia di pioggia.

Al mattino si sono disputate le finali della categoria W1. Gli azzurri Daniele Cassiani, Salvatore Demetrico e Gabriele Ferrandi hanno giocato il primo match di giornata che valeva il bronzo contro la Russia (Donskoi, Dorofeev, Leonov). Gli azzurri si sono battuti con coraggio, ma i russi hanno avuto la meglio vincendo 207-198.

Ed è sempre la nazionale sovietica

Ed è sempre la nazionale sovietica (Andrievskaia, Artakhinova, Dzhiovea) a battere nella finale per il bronzo compound femminile 223-220 l’Italia di Sarti, Pesci e Virgilio.
Nel pomeriggio arriva però il sigillo azzurro con il bronzo conquistato da Maria Andrea Virigilio e Alberto Simonelli nel mixed team compound dopo il successo 149-141 sull’Iran (Mohammadi, Mandhaezadeh). E’ invece la russa Tatiana Andrevskaia a fermare la corsa di Eleonora Sarti che perde la finale per il bronzo 141-133 e chiude quarta.

Domani tutte le finali dell’arco olimpico con due possibilità di medaglia per l’Italia (le sfide saranno trasmesse in diretta streaming dal canale ufficiale Youtube della World Archery).

Nel frattempo sono arrivati in Olanda gli azzurri della Nazionale Olimpica che lunedì cominceranno il loro Mondiale di Qualificazione per Tokyo 2020.

SFUMA L’8° PASS AZZURRO PER TOKYO 2020

Al termine delle sfide del W1 un’altra cattiva notizia per l’Italia che vede svanire la possibilità di ottenere l’ottavo pass per i Giochi Paralimpici di Tokyo 2020: nella finale per l’oro mixed team W1 la Cina ha battuto la Russia 136-132, un risultato che nega la qualificazione femminile azzurra in questa categoria. Serviva infatti la vittoria dei russi per liberare quel posto che avrebbe guadagnato la giovane Asia Pellizzari, classificatasi al 5° posto individuale. Naturalmente ci saranno altre occasioni per rimpinguare gli accessi per il Giappone e l’Italia sarà pronta ad approfittarne, soprattutto in occasione dei Campionati Europei Para-Archery che si disputeranno ad Olbia nel 2020.

VIRGILIO E SIMONELLI DI BRONZO

La piccola delusione viene subito allontanata da Maria Andrea Virgilio e Alberto Simonelli che vincono la medaglia di bronzo grazie al successo nella finale mixed team compound contro l’Iran (Mohammadi, Mandhaezadeh) 149-141. La coppia azzurra è quasi perfetta e conduce la sfida dalla prima all’ultima freccia senza mai lasciare agli avversari la possibilità di poter anche sognare al rimonta. A dimostrare la superiorità ci sono tutti i parziali a favore degli azzurri: 37-36, 36-32, 38-37 e 38-36.

IL COMMENTO DEL COACH ANTONIO TOSCO

“finalmente è arrivata la medaglia che aspettavamo da tempo, i ragazzi sono stati bravissimi, hanno tirato alla grande e siamo soddisfatti perché questo successo tanto sperato è arrivato nel momento più importante, in un Mondiale”.

QUARTO POSTO PER GLI AZZURRI DEL W1

L’Italia con Daniele Cassiani, Salvatore Demetrico e Gabriele Ferrandi ha provato a mettere in difficoltà il terzetto russo (Donskoi, Dorofeev, Leonov) nel match che valeva il bronzo, ma gli avversari hanno sbagliato pochissimo senza dare la possibilità all’Italia di ribaltare il risultato. La Russia è infatti partita benissimo chiudendo il primo parziale con un +4 (46-50) per poi prendere il largo nella seconda volée che aumenta il divario tra le due squadre: 107-95. Nella terza frazione l’Italia recupera (54-48) e prova a mettere pressione agli avversari che comunque possono ancora amministrare il vantaggio di 6 punti nell’ultima fase di gara (155-149). Le ultime frecce infatti non permettono all’Italia di guadagnarsi almeno lo spareggio in virtù dell’alta media degli avversari (49-52) che si prendono con merito il bronzo col risultato finale di 198-207.

LE PAROLE DEL C.T. WILLY FUCHSOVA

Le lacrime di delusione di Gabriele Ferrandi al termine del match sono la prova che gli azzurri avevano vissuto con voglia di vincere e grande responsabilità un match che valeva una medaglia mondiale. Il Responsabile Tecnico del Settore Para-Archery Willy Fuchsova fa comunque i complimenti agli azzurri: “I nostri se la sono giocata ma gli avversari non ci hanno lasciato margini di recupero. La squadra l’abbiamo recuperata all’ultimo, dato l’infortunio di Fabio Azzolini che ha dovuto rinunciare. Gabriele Ferrandi è stato chiamato all’ultimo momento proprio per permettere all’Italia di giocarsi questo mondiale e proprio grazie a lui siamo riusciti a giocarcela e chiudere come quarti al mondo. Sono stati bravi e non hanno nulla da rimproverarsi”.

LE AZZURRE DEL COMPOUND QUARTE

C’è ancora la Russia a frapporsi tra l’Italia e il podio ai Mondiali di ‘s-Hertogenbosh. Questa volta a cedere alla nazionale sovietica sono le donne del compound Eleonora Sarti, Giulia Pesci e Maria Andrea Virigilio che perdono la finale per il bronzo contro Andrievskaia, Artakhinova, Dzhiovea 223-220. La partenza è subito in salita per la Nazionale Tricolore che va sotto 57-53 dopo le prime sei frecce. Sarti e compagne riescono a scuotersi e nelle successive due volée si riavvicinano rosicchiando ben tre punti con i parziali di 58-56 e 55-54. Le ultime sei frecce pendono però di nuovo dalla parte della Russia che chiude la sfida con il 56-54 che vale il 223-220 finale.

IL COMMENTO DEL COACH STEFANO MAZZI

“siamo partiti con punteggi un pochino più bassi delle russe, ma poi abbiamo recuperato alla seconda volée molto bene e ci ho creduto fino in fondo. Purtroppo gli ultimi due otto ci hanno penalizzato, la sfida era alla nostra portata, mi dispiace per le ragazze ed è una sconfitta che brucia ma ci rifaremo, questa carte olimpiche che abbiamo conquistato ci danno la possibilità di progettare il futuro.”

ELEONORA SARTI QUARTA

Si conclude con una sconfitta nella finale per il bronzo l’ottimo percorso ai Mondiali di Eleonora Sarti. L’azzurra del compound è stata sconfitta dalla russa Tatiana Andrevskaia in una sfida ricca di emozioni in cui la sovietica va in vantaggio 29-28, poi viene ripresa dal 26-27 di Sarti nel secondo parziale ma riesce ancora a sorpassare nel terzo 28-27. La svolta della gara arriva nella terza volée con l’arciera tricolore che non riesce a tenere alto il ritmo e vede “scappare” l’avversaria che piazza il 30-24 utile a mettere la medaglia sulla via della Russia. Le ultime tre frecce si concludono 28-27 per Andrievskaia e servono a certificare il 141-133 finale.

IL COMMENTO DELLA GIORNATA DEL CT WILLY FUSCHSOVA

“Sono molto soddisfatto di quanto hanno fatto i nostri atleti. Non abbiamo vinto tutte le medaglie, ma nel complesso è stata una bella giornata, considerando anche i 7 pass per Tokyo ottenuti nei giorni scorsi. Ho visto una squadra femminile rinata e ho visto rinascere anche il mixed team, ma sarebbe meglio dire ‘tris’, perché dietro c’è sempre un valido tecnico per raggiungere certi risultati. Domani abbiamo altre due finali. In una ci giochiamo l’oro e ci impegneremo per far suonare l’inno d’Italia”.

DOMANI DUE FINALI PER L’ITALIA NELL’ARCO OLIMPICO

Domani, domenica 9 giugno, si disputeranno le finali dedicate all’arco olimpico che chiuderanno la rassegna iridata paralimpica (da lunedì inizia invece il Mondiale dei “normodotati”). Ci saranno altre due finali per l’Italia che si giocherà il bronzo col trio femminile e poi l’oro mixed team. Tutti i match sono trasmessi in diretta streaming sul canale youtube di World Archery.

Загрузка...


Avatar

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *