Volleyball Nations League: lezione delle azzurre al Giappone 3-0

 Volleyball Nations League: lezione delle azzurre al Giappone 3-0


L’Italia non si ferma e con una grande prova di forza domina il Giappone 3-0 (25-21, 25-16, 25-22), conquistando il settimo successo nella Volleyball Nations League 2019.
Le ragazze di Davide Mazzanti sono state protagoniste di una prova praticamente perfetta: ritmo alto, numero limitato di errori e una fase muro-difesa eccellente. A livello collettivo tutte le vice campionesse mondiali oggi si sono espresse al meglio, mostrando quell’identità di gioco ammirata nella passata rassegna iridata. Il piano tattico, studiato dal ct tricolore e dal suo staff, si è rivelato l’arma in più della nazionale tricolore.
Il Giappone, da sempre avversario molto ostico, per due set non è mai riuscito a impensierire le azzurre e solo nel terzo ha tentato di reagire, ma le ragazze di Mazzanti, complici anche i cambi, hanno disinnescato prontamente il pericolo.
La migliore marcatrice del match è stata Paola Egonu (20 punti), seguita da Pietrini (13 punti) e Lucia Bosetti (9 punti). Nettamente a favore dell’Italia il confronto sia a muro (16 a 3), 5 dei quali firmati da Danesi, sia in battuta: 4 aces contro 1 delle nipponiche.
Il 3-0 sul Giappone, una delle diretta concorrenti, permette a De Gennaro e compagne salire al primo posto della classifica generale (7V e 21p), attualmente insieme alla Turchia, e soprattutto di compiere un altro importante passo verso la Final Six di Nanchino (3-7 luglio): obiettivo dichiarato dell’Italia.
Domani l’ultima giornata della tappa di Hong Kong vivrà il clou con la super sfida tra le azzurre e la Cina (ore 14.30 diretta su EuroSport Player e Volleyballworld.tv), un grande classico delle ultime stagioni: il punto più alto è stata la semifinale mondiale 2018, vinta 3-2 dall’Italia

CRONACA – Come formazione iniziale il tecnico italiano ha operato diversi cambi, schierando: Malinov in palleggio, opposto Egonu, schiacciatrici Bosetti e Pietrini, centrali Danesi e Fahr, libero De Gennaro. Nel terzo parziale buono l’impatto sulla gara di Sorokaite e Chirichella
Ottimo il primo set dell’Italia, la fase muro-difesa azzurra ha imbrigliato alla perfezione l’attacco avversario e il Giappone ha perso subito contatto (10-6). Una Paola Egonu ispirata (11 punti nel parziale) ha spinto ulteriormente avanti le compagne, mentre il Giappone ha fatto molta fatica a mettere a terra la palla (16-10). Una schiacciata di seconda e un ace di Malinov hanno piegato definitivamente le asiatiche (25-21).
L’atteggiamento delle vice campionesse mondiali non è cambiato nel secondo parziale, De Gennaro e compagne si sono portate velocemente al comando (7-4). Le ragazze di Mazzanti hanno tenuto un ritmo altissimo, Malinov ha innescato bene le sue attaccanti e il muro italiano ha continuato a fare la sua parte (16-11). Per tutto il resto del parziale la squadra nipponica è stata in totale balia delle azzurre, capaci di imporsi con un pesante (25-16).
Nel terzo set è arrivato il primo momento di difficoltà della formazione tricolore (8-12), Mazzanti è così ricorso alla panchina: dentro Sorokaite e Chrichella per Egonu e Fahr. L’Italia con grande pazienza non ha perso la testa e punto su punto ha dato vita a una prolungata rimonta, conclusasi brillantemente sul punteggio di (25-22).

DAVIDE MAZZANTI: “Speravo di fare una bella gara, ma una prestazione così non era facile immaginarsela. Le ragazze sono state bravissime dal punto di vista tattico e penso che questa sia stata la miglior gara che abbiamo disputato contro il Giappone. C’è ancora qualcosa da sistemare nel contrattacco, dobbiamo sfruttare AL meglio tutte le difese che facciamo.
Sono molto contento della vittoria perché ci permette di compiere un passo importante verso la Final Six, considerando che il Giappone è una delle principali concorrenti. Dopo due set ottimi, nel terzo siamo calati e lì ho cercato di cambiare qualcosa. Le ragazze hanno risposto alla grande e siamo riusciti a ottenere una vittoria che ci dà morale e punti pesanti.
In questo momento è determinante riuscire a combinare il lavoro fisico al gioco, sto facendo tanti cambi, ma è a troppo importante far prendere ritmo partita a tutte.
Dopo il Mondiale sono convinto che si sia creata un’identità e chi entra nel gruppo si immerge sia nel nostro sistema di gioco, sia nel modo di stare in campo. E’ una cosa che ho respirato sin da subito e questo ci ha garantito di partire bene in questa VNL. Quello che abbiamo creato è un tesoro importante, dobbiamo custodirlo e allo stesso tempo continuare ad alimentarlo.
Domani affrontiamo la Cina, per noi significa un sacco di cose e ci accendere in modo particolare. Sono convinto che sarà una bella sfida”.

LUCIA BOSETTI: “Siamo molto contente del risultato, è sempre difficile battere una squadra come il Giappone, soprattutto 3-0. Il nostro gioco sta migliorando sempre di più e i risultati si vedono. Oggi il muro ha funzionato molto bene e in questo modo il loro attacco ha fatto tanta fatica. Nel terzo set siamo state brave a uscire da una situazione non facile, nonostante lo svantaggio non ci siamo mai arrese e così abbiamo risparmiato anche energie in vista della partita contro la Cina.
Questo è un torneo lungo e difficile, soprattutto per chi ha finito da poco il campionato, e quindi è positivo che chiunque entri sia in grado di dare il proprio contributo.
Domani ce la metteremo tutta contro la Cina, il ricordo della semifinale mondiale dentro di noi è indelebile.”

ANNA DANESI: “La squadra oggi si è espressa molto bene, il nostro gioco pian piano migliora sempre di più e di questo siamo contente. Il nostro muro-difesa ha fatto la differenza e quindi loro non hanno avuto troppe soluzioni in attacco. Nel terzo set siamo partite un po’ scariche e così il Giappone ha tentato di riaprire il match, alla fine però siamo state determinate a chiudere.
A tanti mesi di distanza dalla semifinale mondiale, sarà bello confrontarsi nuovamente con un avversario di livello come la Cina”.

PRECEDENTI – I precedenti tra Italia e Cina sono in totale 77, con un bilancio di 30 vittorie e 47 sconfitte per le azzurre.

Tabellino: ITALIA – GIAPPONE 3-0 (25-21, 25-16, 25-22)

ITALIA: Malinov 6, Fahr 7, Pietrini 13, Egonu 20, Danesi 8, Bosetti 9. Libero: De Gennaro. Sorokaite 4, Chirichella 1, Parrocchiale. N.e: Alberti, Orro, Sylla, Villani. All. Mazzanti
GIAPPONE: Ishii 12, Nabeya 9, Okumura 4, Koga 1, Watanabe, Seki. Libero: Moriya. Sato, Kobata (L), Kurogo 6, Akutagawa 1, Osanai. N.e: Iwasaka, Shinnabe. All. Nakada
Durata set: 27’, 23’, 27’.
Arbitri: Kang (Kor) e Pashkevich (Rus).
Italia: 4 a, 11 bs, 16 m, 26 et.
Giappone: 1 a, 1 bs, 3 m, 7 et.

Risultati e Calendario del 3° Round (4-6 giugno)

Pool 9 – Hong Kong, Cina

4/6: Olanda-Italia 1-3, Cina-Giappone 3-0

5/6: Italia-Giappone 3-0, Cina-Olanda (ore 14.30)

6/6: Giappone-Olanda (ore 11.30), Cina-Italia (ore 14.30)

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *