MARC MARQUEZ 10: Dopo aver fatto sua la pole position, in gara sbrana gli avversari e centra la trecentesima vittoria per la Honda. Nei primi giri illude i ducatisti, specie Miller, che forse alla guida della RC213V non c’era un alieno ma un umano. Lo spagnolo, invece, da metà gara inizia a danzare come se fosse nell’iperspazio al comando dell’Enterprise. Vince, così, la terza gara su cinque della stagione. Per comprendere maggiormente il suo talento, vi consiglio di guardare dove sono gli altri piloti griffati Honda. La differenza tra il campione del mondo e gli altri è nel polso. Immenso!

 

ANDREA DESMODOVI 7: Anche questa volta il forlivese fa la differenza ma in negativo. Con una moto che è semplicemente fantastica, per poco non riesce a prenderle dal compagno di squadra. Certo è anche con i piazzamenti che si vincono i mondiali, ma se su 5 gare ne vinci solo una, se il tuo avversario, poi, è primo nonostante uno 0 in classifica, c’è poco da aggiungere. Dispiace ma i campioni sono altri. Bravino!

 

DANILO PETRUCCI 8,5: Conclude in scia del teammate e sale sul gradino più basso del podio. Il ragazzo di Terni svolge egregiamente il compito di seconda guida. Non è lui a dover fare la differenza. Bravo!

 

JACK MILLER 8: L’australiano è senza dubbio un talento interessante ed in gara dimostra che se supportato può dar fastidio al migliore. Fossi nei panni della dirigenza desmodromica, inizierei a dargli una moto uguale in tutto a quella della squadra ufficiale. Il futuro la Ducati lo ha in casa. Forza!

 

SCUSENTINO ROSSI 6,5: Anche questa volta l’ironia nasce spontanea perché i soliti hanno inventato milleuno scuse per giustificare l’ingiustificabile. Il motore non va; strano perché Quartararo ha girato veloce quanto Marquez. Mister 9 volte, poi, non si sottrare alla ricerca di alibi e si rende, così, complice di chi non vuol guardare in faccia alla realtà. Sveglia!

 

POL ESPARGARO 7,5: In sella ad una moto poco competitiva è autore di una prestazione maiuscola. Complimenti!

 

JORGE LORENZO 4: Il maiorchino è il lontano parente di quel pilota che martellava con una guida tanto perfetta quanto efficace. Sicuro si tratti solo di adattamento ad una nuova moto? Bocciato!

 

HONDA: Se non ci fosse Marquez alla guida sarebbe così vincente?

 

DUCATI: Se avesse uno come Marquez alla guida sarebbe più vincente…

 

YAMAHA: L’impressione è che la moto sia competitiva ma a contare sia solo il marketing.

 

KTM: Un raggio di sole…

 

SUZUKI: Smarrita.

 

APRILIA: Non pervenuta.

 

NANI E BALLERINE: Una volta controllare i dati degli altri piloti di marca era un peccato mortale, roba da perdenti; oggi è una preghiera umile e sincera nonché un dovere da seguire per chi va più forte. Una volta si festeggiava l’animale da gara, che trionfava dopo un rimontone frutto dell’assetto pescato dal cilindro prima della gara. Ecco una volta…Ricordate come decantavano le magnifiche doti divine del divino simpatico e allegro? Ricordate come deridevano coloro che osavano dire certe cose? Cosa ha fatto, poi, cambiare il loro modo di tifare? Il Dovi, ad esempio, da cioccolato svizzero è diventato improvvisamente uno che fa urlare, da tifare perché italiano…E quando Stoner guidava l’italiana? Ah, la moto di merda…Ah, la scusa della intolleranza…Non trovassero, poi, la scusa dell’età, perché un romano a 42 anni ha vinto un mondiale Sbk quando la domenica si disputavano ben 2 gare. Un romano che ha lottato per il mondiale in sella ad una moto privata…Ah, la MotoGp più competitiva di sempre: anche questa volta si è girato 4 secondi più lento rispetto all’anno scorso. Certe panzane le raccontassero al bar.

 

MAX BIAGGI: Un abbraccio forte ad un grande uomo e pilota. Conosco cosa si prova quando si perde un genitore. In questi casi le parole sono inutili. Forza campione!