“Abbiamo concesso poco all’Inter, i miei difensori, inoltre, sono stati molto bravi nei traversoni effettuati dai nerazzurri. Lo scorso anno siamo arrivati con il fiato corto al finale di stagione, ho una squadra molto matura che gioca ogni anno tante partite. Oggi abbiamo dovuto patire anche problemi numerici. Mancavano Radu e Patric, calciatori che avevano dato un grande contributo nell’ultimo periodo, ma non si è fatta sentire la loro assenza.

Contro il Milan in Coppa Italia avevamo messo in mostra una prestazione di grande sacrificio a tre giorni di distanza dal derby e, nonostante tutto, abbiamo disputato una grande stracittadina. Ora stiamo giocando benissimo ed è bello sentire gli applausi per la mia squadra in grandi stadi come il Franchi ed il Meazza, i miei ragazzi si meritano elogi per come stanno interpretando le partite: si vince di gruppo e di squadra, ma ora non c’è tempo per assaporare il gusto del successo con i nerazzurri perché siamo attesi da una gara molto complicata con la SPAL a Ferrara.

Dobbiamo restare sempre sul pezzo cercando di raggiungere sulla miglior condizione di squadra: in campionato affrontiamo delle corazzate che sono più strutturate a livello di budget, ma noi abbiamo grandi tifosi e una squadra professionale che si vuole bene. I ragazzi sono dispiaciuti del quarto posto mancato nella stagione passata, ma ora siamo lì in corsa con altre compagini: tutto è possibile, ci sono diverse formazioni in corsa. Ora dovremo svolgere con grande intensità le prossime partite di campionato. Luis Alberto e Milinkovic sono due calciatori di grande qualità, ma sono supportati da una grande squadra che ci permette di misurarci al meglio da qui a tre anni in tutte le competizioni, contraddistinti dal nostro spirito e dal nostro gruppo. Dobbiamo proseguire su questa strada, mercoledì ci aspetta un’altra gara molto difficile con la SPAL”.