A Milanello non è una vigilia qualsiasi: è la vigilia del Derby. Una giornata di emozioni, lavoro e anche parole: prima della rifinitura e dei convocati, infatti, si è svolta la conferenza stampa di Mister Gattuso. Tutte le parole di Rino in vista di Milan-Inter, 28° giornata di Serie A in programma domenica 17 marzo alle 20.30 a San Siro, sono state trasmesse in diretta su Facebook e Milan TV.

SULLA PARTITA
“Ogni Derby ha una storia a sé. Dobbiamo scordarci l’andata, perché sarà un’altra partita. Negli ultimi giorni sento dire che siamo favoriti e che l’Inter è morta: nelle stracittadine queste cose non esistono. Servirà rispetto per l’avversario, giocare con il cuore, intelligenza e voglia. San Siro farà il record di incasso: dovrà essere il nostro dodicesimo uomo. È una gara nella quale ci giochiamo tanto, ma non dobbiamo scordarci che i punti in palio sono sempre tre. Mi preoccupa l’aspetto mentale nel caso in cui le cose non dovessero andare bene. Vincendo, però, potremmo avere un qualcosa in più a livello di testa”.

SULL’INTER
“Rispettiamo l’Inter perché ha campioni che ci possono mettere in grande difficoltà. Dobbiamo essere bravi nell’uscire dalla loro pressione, non come abbiamo fatto all’andata. Servirà coraggio, voglio vedere un atteggiamento diverso: testa libera e mettere in campo ciò che sappiamo fare”.

DIFFERENZE CON L’ANDATA
“Non vedo questa partita come una rivincita. Io devo solo pensare al mio obiettivo: far crescere i ragazzi e tornare in Champions. Allegri dopo Madrid sembrava incapace, ora tutti lo esaltano e si sono ricreduti”.

COME SI PREPARA IL DERBY
“Sono altre le partite nelle quali bisogna farsi sentire, bisogna parlare, urlare. Quando arriva il Derby no, vista l’atmosfera che c’è. Poche urla, poche parole: c’è già abbastanza pressione”.

ICARDI
“È difficile rispondere a questa domanda. Nella mia idea di calcio, quando un componente manca di rispetto, parlo dei miei ragazzi, divento l’uomo più cattivo del mondo. Le squadre di calcio si costruiscono anche nello spogliatoio ed il rispetto è fondamentale. Lo spogliatoio è sacro”.

SULL’ELIMINAZIONE DELL’INTER DALLA COPPA
“Anche noi siamo usciti al primo turno in Europa League. Non dobbiamo cascare nel giochetto che domani sarà tutto facile e bello. Dobbiamo preparare la gara con umiltà, consapevoli della forza dell’Inter”.

SINGOLI
“La differenza deve farla il collettivo, non solo Piatek. Ne ho visti pochi in vita mia di giocatori che vincono da soli le partite. Non parlo tanto con lui perché è uno che non ama chiacchierare. A lui piace lavorare, viene al campo anche nei giorni liberi e questo è un pregio. Biglia titolare? Domani vedrete. Musacchio? È cresciuto tanto, ma i meriti della fase difensiva vanno dati a tutti, non solo ai difensori. Lui non è soltanto forte fisicamente, ma anche a livello tecnico sbaglia pochi palloni”.