“Nel primo tempo, nonostante un buon approccio con l’occasione di Milinkovic, il Napoli è cresciuto ed ha meritato il vantaggio. Nella ripresa, però, abbiamo riaperto la partita, ma l’espulsione di Acerbi non ci ha permesso di giocare l’ultima mezz’ora in parità e, se non fosse andata così, nessuno sa come sarebbe finita questa partita.

Non sono felice del primo tempo e l’ho detto ai miei ragazzi, siamo tutti lì e da qui alla fine del campionato ci sarà una lotta aperta per i posti validi per l’Europa, in tal senso la gara di domenica sarà già molto importante e dovremo dare il massimo nonostante le defezioni a cui dovremo far fronte. Proveremo a lavorare al meglio e dovremo interpretare nel miglior modo possibile un match con una squadra fortissima come la Juventus.

Abbiamo giocato con il 3-4-1-2 nel secondo tempo e non potevamo aggiustarci al meglio perché avevamo già sostituito Luiz Felipe e dovevamo tenere un cambio dopo la sostituzione di Correa per evenienze. Siamo rimasti in partita per poi riaprire la gara con il gol di Immobile, poi non ci è stata concessa l’opportunità di giocare in parità di uomini gli ultimi 25 minuti della gara”.