La Prima categoria del Casilina è rinata. Nelle ultime sei partite, la squadra di mister Marco Piccirilli ha collezionato dieci punti. Un ritmo da posizioni di media classifica e invece i capitolini sono ancora all’ultimo posto nel girone F, ma le avversarie ormai sono a “portata di mano”. Ieri il Casilina ha ottenuto un incredibile quanto pesantissimo successo sul campo dello Scalambra Serrone, battuto per 2-1 in rimonta. «Il primo tempo è stato piuttosto equilibrato, anche se noi abbiamo avuto due ghiottissime opportunità per andare in vantaggio senza riuscirci – spiega il centrale difensivo classe 2000 Andrea Gozzi – Poi nella ripresa siamo andati sotto per un calcio di rigore giustamente assegnato dal direttore di gara e a quel punto avremmo potuto accusare il colpo.

Questa squadra, però, anche nelle prime giornate di campionato ha sempre avuto un forte spirito di reazione e pure stavolta l’ha messo in campo. Nell’ultimo quarto d’ora siamo riusciti a ribaltare il risultato conquistando un successo fondamentale». Il gol decisivo ha portato la firma di Raffaele Valentino, mentre quello dell’1-1 è stato realizzato proprio da Gozzi che è arrivato a quota tre sigilli personali. Niente male per un classe 2000 al suo primo anno di prima squadra… «Devo ringraziare tantissimo mister Piccirilli che mi ha conosciuto l’anno scorso nella parte finale della stagione con la Juniores e che ha avuto fiducia in me, portandomi in Prima categoria. La mia crescita è soprattutto merito suo, ma so che c’è ancora tanto da lavorare.

I gol? Sono felice soprattutto che l’ultimo abbia contribuito alla vittoria». Anche il Casilina dovrà ancora sudare molto per centrare l’obiettivo della salvezza. «Sappiamo che non possiamo assolutamente abbassare la guardia, ma siamo assolutamente convinti di non meritare l’ultimo posto e di poter conquistare la permanenza in categoria». Nel prossimo turno per il Casilina ci sarà un altro incrocio con una squadra proveniente dalla Promozione. «Ospiteremo il Semprevisa e sarà un’altra sfida durissima. Per noi, però, è fondamentale dare continuità ai risultati dell’ultimo periodo» chiosa Gozzi.