Spalletti: “Dobbiamo ancora migliorare”





Con un gol di Keita l’Inter centra la seconda vittoria consecutiva in campionato e chiude il 2018 ritrovando il successo in trasferta: “Sono partite che possono essere pericolose se non vengono affrontate con la mentalità giusta – ha esordito Luciano Spalletti nell’analizzare la partita dopo il triplice fischio -. Nel primo tempo non siamo riusciti a essere brillanti, nella ripresa siamo andati meglio perché loro avevano speso energie e noi siamo riusciti a creare parecchi problemi alla loro retroguardia”.

Sul match-winner: “Keita è un ragazzo splendido, è sempre brillante e si diverte con tutti i suoi compagni. In rosa abbiamo delle individualità che ci permettono di essere sempre forti, purtroppo i nostri attaccanti non possono giocare tutti insieme. Dobbiamo alternarli e prendere il meglio da tutti, come abbiamo fatto nelle ultime due gare con Keita e Lautaro. Il ‘Toro’ è un ragazzo forte ma è una punta centrale, se gli chiedo di fare dei rientri sugli avversari perde qualità. Quando entra in campo riesce a dare sempre una scossa, ha un grande impatto dal punto di vista fisico e caratteriale”. Restando sui singoli, decisivo anche l’ingresso di Nainggolan per dare una sterzata alla partita: “L’ho scelto perché oggi ci mancava qualche vampata e lui ha le caratteristiche giuste anche per come soffoca gli avversari sulle palle perse. Pensavo mi potesse dare una mano e l’ha fatto”.

In chiusura, sugli obiettivi in vista del 2019: “Dobbiamo fare un campionato importante, poi inizieranno anche Coppa Italia ed Europa League. Bisogna lavorare bene per riuscire ad alzare dei trofei. Abbiamo due competizioni da poterci giocare e se vogliamo vincere dobbiamo ancora migliorare perché oggi abbiamo preso ancora una volta delle ripartenze evitabili su palloni persi troppi facilmente e non siamo riusciti a chiudere la partita nonostante le tante occasioni collezionate”.






Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 5305 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*