MotoGp, Australia: le gare dell’Aprilia

 MotoGp, Australia: le gare dell’Aprilia


Il freddo asfalto di Phillip Island continua a complicare il lavoro di team e piloti. Anche oggi il circuito australiano ha fatto segnare temperature impegnative, unite ad un forte vento che contribuisce a raffreddare le gomme Michelin.

Sia Aleix Espargaró sia Scott Redding hanno compiuto dei passi avanti rispetto a ieri, lavorando intensamente sul setup delle loro RS-GP. Le importanti modifiche hanno aumentato il feeling dei due portacolori Aprilia, nonostante la qualifica che li ha visti concludere rispettivamente in diciannovesima (Aleix) e ventiduesima (Scott) posizione.

ALEIX ESPARGARO’

“Anche oggi è stato difficile mantenere le gomme in temperatura. Con queste basse temperature e, soprattutto, con un vento così freddo, specialmente la gomma davanti soffre. Questo rende la moto difficile da far girare e nervosa. Siamo riusciti a migliorare tra le FP3 e le FP4, stravolgendo il setting della moto. Abbiamo trovato una base su cui lavorare, chiaramente tempo e posizione non sono quelli che ci aspettiamo”.

SCOTT REDDING

“Sia io sia Aleix stiamo soffrendo su questa pista. Anche usando la mescola più morbida non sono riuscito a trovare la giusta confidenza, sembra quasi di utilizzare gomme più dure. Per le FP4 abbiamo fatto dei grossi cambiamenti e sono riuscito a recuperare un po’ il feeling, ma in qualifica il divario si è riconfermato perchè evidentemente gli altri piloti riescono a sfruttare un grip migliore”.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Загрузка...


Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *