È iniziata con un bel successo l’avventura di mister Saverio Filippis sulla panchina dell’Under 16 provinciale
(ex Allievi B) del Torre Angela Acds Calcio. La formazione capitolina ha battuto 2-1 il Real Monterotondo
nel match interno di sabato scorso grazie alla decisiva doppietta di Ciancarella.

Le parole di Mister Filippis

«Abbiamo iniziato la gara molto bene e siamo andati al riposo sul doppio vantaggio, sprecando anche
qualche altra occasione per rendere il punteggio più rotondo – dice l’allenatore del Torre Angela Acds
– Poi nella ripresa, complice il gran caldo, il ritmo di gioco è calato e la squadra ha avuto un po’ di
normale paura di vincere, soffrendo nei minuti finali visto il risultato in bilico.

Prima della gara avevo qualche dubbio perché le amichevoli non erano state brillanti, ma questo è un risultato importante per un gruppo che arriva da alcune annate un po’ difficili e che quest’anno si sta misurando su dinamiche organizzative e di lavoro particolari. Devo dire, però, che l’atteggiamento e la disponibilità dei ragazzi sono stati fin da subito molto positivi e questa è un’ottima base di partenza per migliorare».

Il tecnico rimane prudente sul tipo di stagione che potrà fare l’Under 16 provinciale del Torre Angela Acds. «Se i ragazzi continueranno ad avere la costanza vista in questa primissima parte di stagione, sono sicuro che potranno fare un buon campionato – rimarca Filippis – Ci sono diversi ragazzi nuovi e quindi ci vorrà un po’ di tempo per creare il giusto spirito di gruppo, ma la strada intrapresa è sicuramente giusta. Aspettiamo nuove risposte già a partire dalla gara di domenica prossima sul campo dello Sporting Rieti».

L’allenatore, che qualche anno fa ebbe esperienze anche in Eccellenza alla guida della Roma VIII e del Formia e che nelle ultime due stagioni ha guidato la Juniores dell’Achillea, parla del suo approdo al Torre Angela Acds. «Avevo un accordo sulla parola con una prima squadra, poi non se n’è fatto più nulla. Tramite mister Formisano, il club capitolino ha saputo della mia disponibilità e io sono stato orgoglioso del loro interessamento».