JORGE LORENZO 10: Su uno dei terreni di caccia preferiti dalla Desmosedici diventa un infallibile cacciatore. Gli ultimi 5 giri sono un inno allo spettacolo e il maiorchino sfoggia staccate da urlo nonché un coraggio da Braveheart. Certo la moto lo aiuta molto ma è pur vero che anche le migliori moto abbisognano dei migliori piloti per vincere. Dov’è chi lo ha spinto nelle mani della Honda? Non mi dite che non è stato ancora licenziato…Magnifico!

 

MARC MARQUEZ 9,5: Su una pista dove la Honda soffre un pizzico l’italiana desmodromica, non è mai domo. La pole position è stata una rondine che non ha fatto primavera. Al via cerca di scappare a suon di giri veloci ma è stato inutile. A 10 tornate dal termine Lorenzo inizia la “remuntada” e gli ultimi 3 passaggi sono stati l’esempio di come sia possibile sorpassarsi più volte senza essere scorretti. Da apprezzare nel dopo gara quando dice che è stato battuto più da Lorenzo che dalla Ducati. Nel frattempo in classifica iridata allunga…Bravo!

 

ANDREA DESMODOVI 4: Prende una brutta paga non solo dal compagno di squadra ma anche dal leader in classifica. A rendere più amara la sua domenica c’è il non essersi complimentato con Jorge nel dopo gara. Suvvia, davvero avrà creduto di essere più veloce di lui? Non deve dimenticare che i mondiali non si vincono per caso. Rimandato!

 

CAL CRUTCHLOW 8,5: Il primo dei normali, il primo dei privati. Di questi tempi è tanta roba!

 

DANILO PETRUCCI 7: Guida una rossa ma taglia il traguardo lontanuccio lontanuccio. Bene ma non tanto!

 

VALENTINO ROSSI 5: Che fine ha fatto il coniglio magico (leggi assetto giusto) che sbucava dopo ogni warm up? Che fine ha fatto il pilota che vince a prescindere il mezzo che cavalca? E quel famoso secondo nel polso, dov’è finito? Ancora una volta si lamenta ma ancora una volta rimane secondo nel mondiale. Una curiosità: perché quando vince è merito suo e quando non vince è demerito della moto? Mistero!

 

DUCATI: Missile in pista, petardo bagnato nelle scelte dei piloti.

HONDA: Buona anche laddove non è la migliore.

 

YAMAHA: Chiede scusa ai piloti, ok. Allora ha sbagliato due volte, perché non ha chiesto scusa per essersi liberata troppo facilmente di Lorenzo per puntare su Rossi, perché dopo aver visto Vinales dominare nei test invernali e vincere 3 gare su 4 prove, ha scelto di non puntare sullo spagnolo nello sviluppo della moto. Soprattutto sbaglia nel non dividere i torti con chi indirizza da circa un anno e mezzo lo sviluppo della M1. Errare è umano ma perseverare…

 

SUZUKI: Lontana.

 

KTM e APRILIA: Lontanissime.

 

GARA: Davvero coinvolgente e bella.

 

HASHTAG: Chi ha inventato quello #layamahasiètiratagiùlemutande dimostra per l’ennesima volta poco rispetto. Un conto è avere delle simpatie un altro è essere sempre pronti a mettersi a 90 gradi pur di accontentare il proprio datore di luce. Troppo facile aumentare il numero dei link in questo modo; il giornalismo, quello vero, non è né servilismo né scostumatezza. Appunto il giornalismo…

 

L’UOMO NERO: Quando si è bimbi a quasi tutti fa paura l’uomo nero. Ad uno, anche da adulto, faceva e fa paura il Corsaro nero. Che tristezza!