Come voi amo le moto ed il motociclismo ma, non so se anche per voi è così, negli ultimi anni mi è davvero difficile digerire lo spettacolo che ci viene propinato sotto il nome di MotoGp. Da sport di coraggio, talento e intuizioni tecniche è diventato un mix di gossip, magheggi tecnici strani, valigie necessarie per correre e voglia di dover essere necessariamente sorridenti e scanzonati, che non mi piacciono.

Ieri sera, poi, al disgusto si è aggiunto lo schifo. Quello che abbiamo assistito, sia in pista sia negli studi televisivi, è stato, a mio parere, non solo quanto di più lontano da un qualcosa che possa chiamarsi sport ma, soprattutto, un insulto grave a chi ha un minimo di memoria e intelligenza.

Si arriva in Argentina con queste dichiarazioni di Cal Crutchlow: “Sono certo che qualcuno assuma sostanze vietate e diuretici per perdere peso senza sacrifici. E che vengano utilizzate anche siringhe. E’ un illuso chi pensa che qui non ci siano persone che prendono sostanze“. Parole pesanti che avrebbero spinto un organizzatore serio ad indagare in merito. Avete sentito parlare di indagini?

Venerdì: viste le opache prestazioni, parte la campagna contro Jorge Lorenzo. Quasi giusto (un conto è la critica un altro è lo sbeffeggiamento), ma fa strano perché sono gli stessi che tacevano quando a lamentarsi della Rossa era Rossi. Evidentemente per loro è finita l’era della “Ducati moto di merda”.

Arriviamo al pronti via e…il pole man Jack Miller è il solo a “indovinare” gli pneumatici giusti; cosa fa la direzione di gara? Consente agli altri piloti di cambiare le gomme e, invece di farli partire dalla pit lane, crea una griglia di partenza mai vista…Gli errori/orrori, però, continuano. Marquez si fa spegnere la moto e con un contromano si riporta sulla sua casella e da lì inizia la corsa; un direttore di gara “attento” lo avrebbe subito redarguito e fatto partire dalla pit lane. Le attenzioni, però, in quel mondo variano a seconda del cognome e della marca. Scelte che hanno penalizzato Miller, reo di essere stato semplicemente bravo e coraggioso nelle scelte.

 

La gara è vinta da Crutchlow ma ci dice anche che Zarco ha buttato fuori Pedrosa, che Danilo Petrucci è entrato duro su Aleix Espargarò e che Marquez, dopo aver subito un ride through e aver ceduto la posizione a Espargarò per un’entrata esuberante, ha centrato Rossi, costringendolo alla scivolata.

Lo spagnolo della Honda, per quest’ultima manovra, è stato sanzionato a fine gara; agli altri nulla.

Tra penalizzazioni non date e sanzioni non tempestive, tutto sommato, la solita anormale normalità.

Il peggio, però, ancora deve venire. Pensavate che non ci fosse una cosa peggiore di una direzione di gara non all’altezza del compito? Sbagliavate.

Mentre Rossi ancora scivolava, dall’urlatore e dai suoi colleghi, subito si è alzato un coro di critiche contro Marquez. Marquez, certo, ha commesso una serie di sbagli ma, oltre a non essere stato l’unico a sbagliare, nella manovra contro Rossi, se vogliamo dircela tutta, è stato sì irruente, ma la moto gli si è chiusa e ha mollato i freni per non stendersi. Dire che l’ha fatto apposta serve solo per drogare l’audience attraverso l’odio.

Insomma si è trattato, a mio parere, di un normale contatto di gara, come tanti ne ha conosciuti Rossi nella sua carriera; in fondo sono le gare e lì non si pettinano le bambole, giusto? No, non è giusto…L’ingiusto non tarda ad arrivare e si manifesta, vestito di calzini bianchi, quando Marquez, in compagnia di Alberto Puig ed Emilio Alzamora, è andato nei box Yamaha per chiarirsi con Rossi. Ad accoglierli c’era Uccio, il quale, gli ha urlato “Non venire qui…Esci fuori!”.

Da ieri abbiamo capito chi davvero comanda nel box Yamaha. A proposito cosa ha da dire la Yamaha in merito? Le sta bene che sia lui a gestire le relazioni con gli altri piloti e con gli uomini delle altre case? Basta saperlo. Peccato che Uccio abbia dimenticato che nel 2011 il suo miglior amico, dopo aver atterrato Stoner a Jerez, si recò nel box della Ducati per scusarsi; lì venne accolto invece d’essere messo alla porta. Una curiosità: è il figlio di quel Rino Salucci che, in Malesia nel 2015, si scagliò contro l’entourage di Marquez e che indirizzò insulti a Livio Suppo e Shuhei Nakamoto, all’epoca dirigenti della HRC?

Arriva, poi, alla paura…Sì, avete letto bene, la “paura”. Rossi, nel dopo gara, afferma: “Mi ha fatto perdere il mondiale nel 2015…Ho paura con lui in pista, non mi sento tutelato dalla race direction. Lui ti viene addosso apposta. Le scuse alla fine non le accetto più. Spero che lui stia proprio lontano da me e che non mi guardi più in faccia”.

Il simbolo della massima serie, forse inconsapevole del proprio ruolo di esempio da seguire e che viene seguito, si dice timoroso e non vuole che Marquez lo guardi in faccia. Premesso che lui non è il padrone della MotoGp, a che titolo dice che deve stargli lontano? Ho trovato stupefacenti le sue parole. Parla di paura: allora i vari Gibernau, Stoner, Melandri, Dovizioso e lo stesso Marquez, cosa dovrebbero aver provato o provare? Passatemi la battuta, Marquez almeno non scalcia, qualcuno invece… Sul mondiale, poi, del 2015, premesso che non ci sono prove in merito, cos’è doveva farglielo vincere? Non credo che Rossi abbia davvero paura; diciamo che ha trovato uno della sua stessa pasta.

 

Marquez e Rossi per me sono le due facce della stessa moneta. Questa moneta, ora, o ha sempre valore oppure non può averlo a seconda della faccia che esce fuori. Certe cose o valgono sempre e per tutti oppure non le puoi giustificare e osannare se a commetterle è uno solo, il solito. Per me certe schifezze non vanno mai fatte, ma questa è un’altra storia.

Tristezza finita? No…Un sorridente Andrea Dovizioso dice, riferendosi a Marquez: “Credo che farà fatica ad uscire fuori dal parco, perché gli argentini sono troppo focosi”. Atteggiamento che si commenta da solo.

D’improvviso Guido Meda e Paolo Beltramo scoprono le sportellate; per anni il loro idolo ha fatto a sportellate, ma all’epoca valevano perché erano le gare. Però, dai, meglio tardi che mai, giusto? A proposito che idee hanno sulle sportellate tra Zarco e Pedrosa e Petrucci e Espargarò? Per loro, forse, non vale il ragionamento fatto per il Vale e Marc?

Meda, poi, sostiene che “Se ci saranno più fischi sotto il podio, sarà comprensibile”. Premesso che i fischi vanno sempre condannati, trovo incomprensibile giustificarli. Dai fischi, come già successo, si passa ai manichini bruciati e alle urla di gioia dopo la scivolata di un avversario. Il passaggio dai fischi alla violenza, insomma, è semplice e bisogna sempre vigilare, non giustificare.

In fondo, sono anni che Marquez viene definito da alcuni (la schifezza) italiani “bimbominkia”…di cosa vogliamo parlare?

Appunto, parliamo di uno schifo.

Per anni è stato permesso a qualcuno di fare il bello e cattivo tempo. A quel qualcuno, poi, si è aggiunto uno della stessa pasta e la cosa è sfuggita di mano.

Senza, poi, un qualcuno, la giostra sarebbe da tempo fallita, altro che campionato di alto livello e grande spettacolo; senza la “massa” di quel qualcuno, alcuni sarebbero altrove durante i fine settimana di gara.

Possibile mai che certi episodi, poi, hanno come parte o controparte sempre il solito qualcuno?

A tutto ciò aggiungiamo che la direzione di gara ha gravi colpe e si è dimostrata incapace nel gestire una situazione tutto sommato semplice.

La verità è che la patata bollente che si è creata ha come cuoco la Dorna.

E’ dei suoi uomini la responsabilità di quello che vediamo. Curioso di sapere cosa pensa in merito la FIM.

Fonte foto: MotoGp pagina Facebook