Si apre con una supersfida il 2018 della Dinamo Labico calcio. La squadra di mister Alfio Nuzzi domenica sarà ospite dell’Acds Group, squadra prima in classifica nel girone G della Seconda categoria con numeri eccezionali: +6 sulla seconda (lo Sporting San Cesareo) e +9 sulla stessa Dinamo Labico terza, ma anche 11 vittorie e 1 pareggio in 12 partite oltre all’impressionante cifra di 51 gol fatti e appena 10 subiti. «Loro sono sicuramente una grande squadra – dice mister Nuzzi – Conosco l’allenatore e diversi giocatori, si tratta di una bella compagine con tante individualità importanti. Noi, però, siamo fiduciosi: i ragazzi si sono allenati bene anche sotto le feste nonostante qualche problemino col maltempo che ci ha costretto a fare un paio di sedute al palazzetto e andiamo a Torre Angela con grande serenità».

Calcio, la Dinamo Labico in grande forma

D’altronde anche la Dinamo Labico aveva infilato una serie notevole prima della pausa: sei vittorie e un
pareggio. «La sosta è stata un po’ fastidiosa visto il nostro bel momento – conferma Nuzzi – Quando si
rientra, poi, c’è sempre una piccola incognita sulle reali condizioni delle varie squadre, ma ripeto: siamo
contenti di come sta lavorando il gruppo e dell’impegno di tutti». Il tecnico non firmerebbe per un
pareggio nella sfida sul campo della capolista. «Non è per una mancanza di rispetto nei confronti del
prossimo avversario, ma semplicemente non firmo mai per alcun risultato prima delle partite.

Il super attacco dell’Acds? Hanno registrato numeri davvero importanti, ma la Dinamo Labico cercherà di
fare la sua partita e non cambierà atteggiamento dal punto di vista tattico. Giocheremo a testa alta e senza
nulla da perdere: la nostra è una maratona e ciò che conta è arrivare nelle prime posizioni della classifica a
maggio».
Finora gli scontri con le squadre di vertice del girone non sono stati fortunati per la Dinamo Labico: «Ma in realtà l’unica sconfitta meritata, forse, è stata quella con lo Sporting San Cesareo perché per il resto ce la siamo sempre giocata alla pari con tutti» conclude Nuzzi.