MotoGp, Le Mans 2017: la pagella del Dicos

 MotoGp, Le Mans 2017: la pagella del Dicos


MAVERICK VINALES 10: Nella Loira lo spagnolo ritrova il successo e la testa della classifica mondiale. Un affermazione che arriva al termine di un fine settimana perfetto. Veloce in qualifica, intelligente allo spegnimento del semaforo, coriaceo nelle battute decisive. Avete visto con quale grinta ha recuperato, dopo il sorpasso, il distacco da Rossi?  Il ragazzo di Figueres si porta a 20 successi, di cui 4 nella top class. Speriamo che la “questione” gomme non influisca in futuro sulle sue prestazioni. Maestoso!

 

JOHANN ZARCO 9,5: Per il francese arriva, finalmente, il primo podio della MotoGp, proprio davanti al pubblico di casa. Nelle fasi iniziali è bravo a dettare il ritmo, mentre in quelle finali è attento a non commettere errori. Oltre ad essere quello più osannato (insieme a Rossi) dagli spalti, è il primo pilota privato al traguardo. Il suo modo di guidare piace così come si apprezza la correttezza negli scontri. E’ ufficiale: l’apprendistato nella massima serie inizia a dare i suoi frutti. Il circus ha un altro “magnifico” che entusiasma tra i cordoli. Bon!

 

DANI PEDROSA 9: Fuori dalla Q2, sul podio dopo la bandiera a scacchi, primo rider dell’ala dorata. Un escalation che testimonia il suo stato di forma e la classe del suo polso. Il successo di Jerez non è stato un caso e la seconda piazza conquistata in campionato sancisce, ancor di più, che quest’anno per l’iride bisogna fare i conti anche con lui. In crescita!

 

ANDREA DESMODOVI 7,5: La gara dell’italiano è un mix di saggezza, velocità e fortuna, che gli permettono di chiudere con un buon piazzamento. Certo manca ancora qualcosa per essere davvero nelle posizioni che contano, ma lui preferisce affrontare i problemi della moto con il lavoro ed i risultati. Forza!

 

CAL CRUTCHLOW 7: Una volta compreso che forzare sarebbe diventato cadere, si regola di conseguenza. Porta a casa, così, la seconda posizione dei piloti privati. Non male!

 

GIORGIODESMO 5,5: Parte dalla sedicesima posizione e tra un sorpasso ed una scivolata, taglia il traguardo sesto, ancora una volta indietro al compagno di squadra. Al di là delle problematiche legate alla interazione con la nuova moto e con gli pneumatici, non esiste che becca tanti secondi da chi cavalca la stessa creatura. Non è una questione legata al solo ingaggio; i titoli di campione del mondo che ha, impongono ben altro. Sveglia!

 

MARC MARQUEZ 3: Le Yamaha erano di un altro pianeta, quindi bastava accontentarsi; in fondo l’anno scorso l’iride è stata portata a casa anche con i piazzamenti. Il campione del mondo in carica, invece, non ha saputo tirare i remi in barca e, così, ha aggiunto un altro 0 in casella. Sbagliato!

 

VALENTINO ROSSI 9: Come, cade a tre curve dal termine e prende un voto alto? Lasciamo stare l’azione di chi, attraverso urla “slinguastidiose”, lo rende un pizzico antipatico (è imbarazzante il modo attraverso il quale viene urlato ogni sua azione…illo tempore, neanche il Duce, Togliatti o Craxi hanno ricevuto tanta riverenza), e analizziamo la sua gara con gli occhi di chi ama il motociclismo. Vedere un uomo di 38 anni guidare in quel modo, rischiare tutto per vincere e non ammainare le vele, neanche di fronte all’evidente superiorità dell’avversario, è davvero tanta roba. Roba che merita rispetto e ammirazione. Speriamo che certi tifosi abbiano capito che di fronte alle scivolate non si gioisce. Qualcuno ha, con un pizzico di ironia, sottolineato che la linea tra pressione psicologica e stress psicologico è sottile, ma, come detto più volte, i discorsi di psicologia non mi sono mai piaciuti. Sono convinto che al “Mugiallo” si farà perdonare l’errore commesso con una vittoria. Chapeau!

 

YAMAHA: Fantastica!

HONDA: Passi indietro.

DUCATI: Immobile.

SUZUKI: Maluccio.

KTM: Meno male.

APRILIA: Male.

GARA: Bella, molto bella!

MIAGOLII TENERI: “Lungo….Largo, laaargooo…Il cannibale ha cambiato il passo…..Riaccodati!…Tutti in piedi sul divano”. Alla fine, a furia di miagolare, sul divano ci sono rimasti male. Mannaggia, mannaggia….

Загрузка...


Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *