Una Juventus cinica e vincente fa suo il big match con il Napoli

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Finisce con il risultato di 2-1 a favore dei padroni di casa il big match della giornata tra Juventus e Napoli; l’andamento della gara è andato secondo il più classico dei copioni: il Napoli, più manovriero,  ha tenuto in mano il pallino del gioco per lunghi tratti della partita senza , tuttavia, riuscire ad essere pericoloso per converso  la Juve ha controllato senza troppi affanni e lasciato che l’avversario si sfogasse con il possesso palla in attesa di sfruttare le opportunità , puntualmente verificatesi, per colpire cinicamente. Le squadre ,fondamentalmente, si sono equivalse in campo ed un pareggio finale non avrebbe scandalizzato nessuno, la differenza l’hanno fatta due episodi che hanno visto per protagonista Ghoulam:  uno svarione difensivo  che si trasformava in assist per Bonucci  ed un rinvio sfortunato  sui piedi di  Higuain sfruttati magistralmente dai bianconeri; questa è la fotografia  dei 90’ minuti di gioco ma  le risposte a questo risultato finale , probabilmente, vanno ricercate al di  fuori dal rettangolo di gioco. La sconfitta del Napoli è figlia, in primis, di una diversa lettura dell’andamento di gioco da parte dei due tecnici: laddove Allegri ha saputo rimediare in corsa  all’infortunio di un difensore, Chiellini, con l’inserimento di centrocampista di attacco, Cuadrado e sostituire uno spento Pjanic con Marchisio riuscendo a dare maggiore tonicità e, soprattutto, brillantezza alla manovra juventina il tecnico napoletano , invece, con le sostituzioni di Insigne, autore dell’assist goal a Callejon,  ed Hamsik  con i mai pervenuti ed impalpabili Giaccherini e Zielinski  non è riuscito a dare alla squadra quel cambio di passo desiderato ed alterato , addirittura, quel trand  di gioco che fin lì aveva permesso di mantenere il risultato in equilibrio. In secondo luogo questo risultato è figlio di due modelli  di gestione societaria esattamente agli antipodi : da una parte c’è una società, la Juventus ,  che ha pianificato l’immediato futuro  investendo tutti i milioni di euro, ricavati dalla vendita di Pogba,  portando a Torino quanto di meglio offrisse il mercato il tutto, cosa che non guasta,  in perfetta sintonia con l’allenatore, dall’altra il Napoli, sempre in affanno ed in ritardo nella costruzione dell’organico, che ha preferito investire il cospicuo ricavato della vendita di Higuain, in giovani di bella speranza con un allenatore che, dopo aver spuntato un sostanzioso aumento di contratto, si è chiuso in un dorato silenzio ed  ha implicitamente  acconsentito o , almeno, subito le scelte fatte dagli operatori di mercato. Troppo comodo dire , a giochi fatti ed a campionato in corso, che la Juve è vincente per via dei suoi campioni affermati e trentenni ma  il Napoli ,  giovane ed immaturo, ha un futuro roseo assicurato perché si sa come vanno a finire queste cose: la squadra degli Agnelli, dopo aver spremuto fino all’ultima goccia i suoi affermati atleti provvederà a sostituirli con altrettanti campioni senza perdere in competitività e continuando a vincere,  quella del Dott. “plusvalenza”  Aurelio De Laurentiis continuerà a vendere i migliori prodotti e ricomprare giovanotti di bella speranza con il risultato di  restare un’eterna incompiuta. Alla fine la Juventus proseguirà la sua striscia vincente , il Napoli a fare cassa ed a perdere saranno solo le speranze dei tifosi!

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick