L’analisi del tecnico bianconero, sulla prova della squadra e quella dei singoli

 L’analisi del tecnico bianconero, sulla prova della squadra e quella dei singoli


Ci sono tanti aspetti positivi, al termine di una serata come questa. Intanto, quelli strettamente numerici, che vedono la Juventus aver segnato molti gol, vinto e mantenuto la testa della classifica.

Sembra un discorso quasi scontato, ma Mister Allegri conosce bene il peso di questa partita: «Una vittoria molto importante, arrivata anche grazie a un approccio giusto. Abbiamo iniziato aggressivi, come era accaduto altre volte, ma era fondamentale perché la Samp arrivava dal Derby vinto. Poi nella ripresa abbiamo regalato qualcosa, ma siamo subito rientrati in partita».

«Il gioco si sviluppa nel modo giusto se la palla va veloce, e stasera è successo. Intendiamoci, anche a San Siro non stavamo giocando male – continua – Era stata una partita pulita, anche se avremmo dovuto giocare di più fra le linee, mentre siamo rimasti troppo orizzontali».

L’analisi si sposta sulla prova dei singoli: «Sono molto soddisfatto della prova dei due attaccanti, si sono alternati bene, dandosi a vincenda tanta disponibilità, è un bel segnale per tutti. Era importante giocassero insieme, e hanno disputato una buona partita, sono contento per la rete di Mario, mentre il gol per Gonzalo arriverà.

Ma sono soddisfatto anche della prova di Marchisio, autore di un buon rientro, di Neto, che nel primo tempo ha fatto due o tre uscite decisive, e di Dani Alves, che con la sua dimestichezza tecnica con la palla e le sue qualità mi permette nel caso di poter variare la disposizione della squadra».

E infine: «Non pensiamo alle antagoniste, il campionato lo vince la squadra più forte. Al momento le due avversarie principali, secondo la classifica, sono Roma e Napoli»

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Alfredo Di Costanzo

Alfredo Di Costanzo

http://www.iltabloid.it

Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *