Sbk, Donington Park: l’analisi del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Donington Park è lo scenario della quinta tappa del mondiale Sbk che entra nel vivo della lotta per il vertice. Si registra un’autoritaria doppietta verde, con Tom Sykes autore di due prove indemoniate. Il campione del mondo in carica regala rimonte eccezionali, che mettono a tacere le voci di chi lo vedeva in crisi. Perfetto in gara uno, cinico nella seconda, Tom non solo batte Jonathan Rea, Davide Giugliano e Sylvain Guintoli, ma la spunta sull’arrembante compagno di squadra Loris Baz. Vittorie che lo proiettano al vertice, belle per chi ha seguito le gare, dure da digerire per gli avversari. Sembrava essere il fine settimana di Baz, ma ai traguardi il francese è arrivato dietro il proprio team mate. Gli ultimi giri della seconda manche sono stati da brivido, con Loris a provarle tutte pur di rimanere davanti al numero 1; un lungo, però, gli è costato caro. La Kawasaki centra, così, la seconda doppietta stagionale, e fa capire alle avversarie che batterla sarà molto difficile. In più ha in casa il campione del domani. Guintoli salva l’onore dell’Aprilia, in piena difficoltà con Marco Melandri. L’ultimo gradino del podio colto dal francese dopo il secondo start lo porta al quarto posto in classifica generale. Le lunghezze dal leader sono trentasette e d’ora in poi l’Aprilia farà bene a puntare tutto su di lui per tentare di strappare il titolo iridato a Sykes. A non esserci non è la Rsv 4 Factory, ma chi è stato chiamato per far rivivere i successi dell’era Biaggi. Lasciar partire Eugene Laverty per dar spazio a Macio dopo solo dieci manche disputate si è già rivelata una scelta sbagliata. Il ragazzo di Toomebridge, quando era al servizio della casa di Noale, era quasi sempre della partita per la vittoria. Il rider di Ravenna, invece, non solo fa fatica, ma ogni fine gara si trasforma in un calvario di scuse e volti tristi che al solo guardarli fa venire in mente un quadro di Edvard Munch. Via Facebook afferma che non mollerà, ma siamo sicuri che l’Aprilia non l’abbia già mollato? In cuor suo credo abbia capito che per vincere, in fondo, non basta solo cavalcare l’italiana quattro cilindri a V; occorre dare gas e saper indirizzare lo sviluppo della moto. Il solo 3 ci riusciva alla grande, il doppio 3, no. Altra delusione è Rea: due sesti posti anonimi che gli fanno perdere la leadership. La Superpole conquistata da Giugliano ha fatto sognare i ducatisti, ma la Panigale non è ancora all’altezza delle rivali. Davide è scivolato in gara uno e nella seconda deve accontentarsi della medaglia di legno. Spezzo una lancia a suo favore: gli errori che commette, a mio parere, sono sì frutto della voglia di primeggiare, ma quando guidi una moto ancora lontana dall’essere la migliore, è facile finire per ghiaia. Certo se fosse meno irruente porterebbe a casa più punti, nello sport, però, non sempre chi si accontenta gode.

A proposito di goduria: visto che Ayrton Badovini e Bimota? Ottimi ed abbondanti! Godibili entrambe le gare, meno l’analisi tecnica; Biaggi ha una marcia in più anche in cabina di commento.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick