ANGUILLARA – DRAGOLAGO: TRE SU TRE

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Una cornice di gara difficilmente uguagliabile quella che offre la vecchia Anguillara sullo sfondo del campo di regata. Valeva la pena per l’Associazione di Malgeri organizzare la tappa del Campionato Italiano nelle acque antistanti il Lungolago Belloni anziché nella zona forse più fuori mano di Vigna di Valle.
Valeva la pena per la splendida scenografia e valeva forse la pena perché probabilmente era lecito attendersi un’affluenza di pubblico superiore a quella che invece si è vista. E’ uno sport di nicchia è vero ma è anche così particolare e accattivante che forse avrebbe meritato una diversa diffusione dell’evento anche perché oltre ad essere una gara inserita a pieno titolo nel campionato nazionale, la manifestazione dei Dragonboats aveva una ulteriore valenza così come è stato anche ricordato dalla speaker al momento delle premiazioni: contribuire a raccogliere fondi per il recupero della piroga sabatina.
L’Associazione Dragolago non si è fatta pregare, ed è riuscita ad allestire oltre al cqmpo di regata, anche spogliatoi e ristoro sulla spiaggia prospiciente il PIT, mentre alla sicurezza hanno provveduto a terra la Croce Rossa e in acqua, come al solito, gli equipaggi del DNEM che siamo da tempo abituati a vedere soprattutto durante il periodo estivo. Immancabile naturalmente  il supporto fornito dall’Hydra Ricerche di Andrea Balestri sia con l’ormai famoso ponton boat che con il gommone messo a disposizione del giudice di percorso.
Con un leggerissimo ritardo sulla tabella di marcia, alle undici parte la prima manche del “misto” (almeno otto donne su venti vogatori) che sulla distanza di 5000 metri vede partire, scaglionati di 30 secondi, quattro equipaggi. A metà gara è evidente la supremazia dell’imbarcazione del Dragolago che recupera facilmente il decalage su quella partita immediatamente prima. Da riva i sostenitori fanno sentire il loro sostegno e l’equipaggio arancione si aggiudica la prima prova con quasi un minuto di vantaggio sul secondo arrivato.
E’ quindi la volta degli equipaggi categoria “open”, sempre sulla distanza dei 5000 metri: il tempo per il Dragolago di integrare i vogatori e si riparte. Questa volta l’imbarcazione di Pavia dà del filo da torcere ai Sabatini che solo nell’ultimo tratto danno la certezza di aver guadagnato secondi preziosi sugli inseguitori. Seconda vittoria quindi per l’Associazione sportiva del Presidente Malgeri e last but not least, anche la soddisfazione di aver vogato con il tempo migliore, un’altra coppa quindi, e a fine giornata fanno tre!
Disciplina esaltante e coinvolgente quella dei dragoni, i cui vogatori hanno la capacità durante una gara di mantenere una frequenza che varia tra i 70 e gli 80 colpi al minuto mentre nella fase di partenza si possono contare anche fino a 120 colpi al minuto (due al secondo!) Coinvolgente abbiamo detto, al punto che anche il Presidente Claudio Schermi e il Vicepresidente De Lucia hanno voluto far parte della competizione dando il meglio di sé sull’imbarcazione dell’Indiana.
Agli europei di Londra della prossima estate, la Federazione Italiana parteciperà con un equipaggio composto dai migliori vogatori italiani e chissà che tra loro non ci siano anche gli amici del Dragolago, intanto ci auguriamo che l’anno prossimo l’iniziativa venga riproposta, magari con un’attenzione diversa da parte del Comune.

Renato Magrelli

Ordine di arrivo categoria “misto” e tempi:
1.    Dragolago – 21’59”/90
2.    Albalonga – 22’53”/33
3.    Sabaudia – 22’53’/90
4.    Albadrago – 24’29”/52

Ordine di arrivo categoria “open” e tempi:
1.    Dragolago – 21’50/22
2.    Pavia – 22’00”/37
3.    Marino Dragons – 22’05/02
4.    Elliot – 23’37”/64
5.    Indiana – 25’40”/61
[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/6003/” title=”6003″]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick