CIV: si riparte da Imola

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Dopo lo scorso week end dove l’autodromo internazionale Enzo e Dino Ferrari ha ospitato le gare del mondiale SBK, il circuito imolese ospita, tra ieri, oggi e domani la seconda tappa del CIV.

A causa della situazione meteo non delle migliori, i piloti hanno sfruttato la giornata di ieri per battagliare a tempo di crono e mettere al sicuro la posizione in griglia  visto il peggiorare del tempo.

In SBK,  ancora davanti a tutti Matteo Baiocco, dimostrando ancora una volta di essere un gradino avanti a tutti. Alle sue spalle il rivale di quest’anno, Gianluca Nannelli, autore di una rimonta magistrale al Mugello nell’ultima gara, doppia la sfida tra i due piloti anche per la lotta gomme, con Baiocco gommato Pirelli e Nannelli gommato Michelin.

Dietro di loro Lorenzo Lai, ancora con qualche problema al braccio e autore di una caduta nella mattinata. Segue più distaccato, non avendo raggiunto i ritmi dello scorso anno Luca Conforti, ma che si lascia alle spalle il veloce e agguerrito Ivan Clemente su BMW.

Nella STK 1000 il più veloce è stato Simone Santarelli su Ducati, femando il crono sull’1’51”619, non potendo migliorare per alcuni problemi di frizione. Segue a circa 4 decimi Ivan Goi con la 1199 Panigale che ancora prende paga dalla sorella più anziana, ma che si mette davanti a due sicuri protagonisti della kermesse,  Alessio Velini su BMW, e il favorito Alessio Corradi sulla RSV4, quest’ultimo con alcuni problemi di assetto della moto nei veloci cambi di direzione di Imola.

 Nella STK 600, la categoria con il più alto numero di partecipanti, vede davanti a tutti il velocissimo Riccardo Russo, Yamaha Team Italia, con un tempo di 1’54”510, seguito a circa 2 decimi dal sorprendente Franco Morbidelli neo pilota del team RCGM, da Morrentino, Yamaha Elle 2 Ciatti, e dal compagno di squadra di Russo, Luca Vitali. Bella prestazione di Francesco Cocco, Team Pata by Martini, ancora zoppicante dopo la caduta la settimana scorsa all’europeo, leggermente più staccato il suo compagno di scuderia Luca Salvadori, ottavo.

Non bellissima la performance del figlio di Randy Mamola, Dakota, dimostrando uno scaso feeling con la pista, 30esimo a 4,6 secondi. Continua lo strapotere Yamaha nella categoria con ben 9 R6 nelle prime 10 posizioni in griglia.

Nella SuperSport 600, ad avere la meglio è stato il pilota protagonista la  scorsa settimana al mondiale SS 600, Roberto Tamburini su Honda, seguito da Vladimir Leonov, che riscatta una prima gara non esaltante, e da Massimo Roccoli, qui come Wild Card per testare al meglio la moto per il mondiale. Leggermente attardato il campione in carica Ilario Dionisi, distaccato di circa un secondo.

Sempre in seconda fila si piazza Giuliano Gregorini, mentre Stefano Cruciani riesce a tenersi dietro uno scatenato Dino Lombardi, campione STK 600 in carica, del Team Pata by Martini.

Nella moto2, accorpata alla supersport, pole provvisioria del danese Robbin Harms su Bimota, seguito da Ferruccio Lamborghini, a due decimi di distanza, molto più attardato il campione in carica Alessandro Andreozzi, in 15esima posizione.

 

 

Emanuele Bompadre

 

 

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick