GARA 2 – I piloti sono pronti a tutto per conquistare un degno posto in classifica, ma le condizioni del meteo e della pista in gara 2 erano davvero proibitive. Si inizia con un acquazzone imponente durante lo schieramento delle moto sulla griglia che fa slittare la partenza per permettere alle squadre di cambiare le gomme vista la scelta della direzione di dichiarare la gara “wet race”.

Una partenza a rallentatore per i piloti a causa delle condizioni proibitive con un Haga che prende subito le redini della gara, un Checa prudentissimo che lascerà sfilare quasi tutti i piloti, 12esimo al primo giro, e gli specialisti del bagnato, Sykes, Rea e Guintoli che salgono di gran carriera.

Anche sotto una pioggia torrenziale Haga comincia a prendere terreno sugli avversari, anche se il ritmo gara varia dal 2’14” al 2’20”, con una visibilità davvero scarsa a causa dei continui scrosci in tutto il circuito. Nel frattempo comincia la scalata di Checa che si porta in 10 posizione, che da buon calcolatore preferisce prendere punti che finire la gara con una caduta. Ed è proprio questo il tema della seconda parte di gara, con piloti che si sbracciano chiedendo lo stop della gara, finiranno a terra il leader della gara Haga, Aitchison, Rea, Camier, Tamada, e Toseland, rimasto a terra dolorante.

Al 14esimo giro la direzione interrompe la gara, prima vittoria per Tom Sykes che riporta la Kawasaki sul gradino più alto del podio, l’ultima volta fu nel 2006 ad Assen.

Velenose le dichiarazioni di Melandri a fine gara contro la direzione, lamentando che dopo svariate segnalazioni dei piloti sull’impraticabilità della pista, non si sia sospesa la gara, quando davvero ce n’era bisogno.

Rimane il bilancio di una gara che ha visto il pilota spagnolo Checa allungare in campionato, con alle spalle un nuovo rivale, Melandri, che prende il posto di uno sfortunatissimo Biaggi, che colleziona un doppio 0 a causa dell’assenza, speriamo di ritrovarlo ad Imola a fine mese.

 

Questa la classifica

01- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – 13 giri in 29’49.337
02- Sylvain Guintoli – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 4.063
03- Jakub Smrz – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 22.759
04- Jonathan Rea – Castrol Honda – Honda CBR 1000RR – + 28.497
05- Eugene Laverty – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 38.374
06- Marco Melandri – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 45.326
07- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 47.030
08- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – + 50.032
09- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 53.586
10- Maxime Berger – Supersonic Racing Team – Ducati 1198 – + 55.261
11- Joan Lascorz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 1’12.805
12- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 1’15.468
13- Roberto Rolfo – Team Pedercini – Kawasaki ZX-10R – + 1’40.323

 

[nggallery id=20]

 

 

Emanuele Bompadre