ANGUILLARA – SCOORDINATI: QUANDO IL BUON GIORNO SI VEDE DAL MATTINO

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Ironia del nome, secondo noi è proprio la capacità con cui si sono saputi coordinare che ha decretato il successo di questa edizione. Probabilmente anche la semplicità che accomuna i ‘bikers’ ha contribuito alla buonissima riuscita della manifestazione. Una semplicità che è tangibile quando si parla con il motociclista ma che viene subito sconfessata dalla meticolosità con cui “l’amato bene” viene trattato.
Sin dalla prima mattinata, Piazza del Molo è stata pacificamente e coloratamente invasa da supersportive, scooter d’annata, chopper, enduro, tutte rigorosamente ‘marcate’ e tutte assolutamente ‘uniche’. Complice anche la bella giornata, è stata una vera gioia per gli occhi di tutti o quasi. Immancabili i soliti due/tre Bastian Contrario fedelissimi al loro ruolo e avversi a tutto e tutti ‘a prescindere’, che ancora confondono il diritto di proprietà con il dovere di ospitalità. Ora che abbiamo dato spazio anche a loro, torniamo alla manifestazione.
Allegra scorribanda a metà mattinata al Museo di Vigna di Valle (sconosciuto ai più che già meditano di tornare), evitando il lungolago e percorrendo invece la panoramica di Barattoli.
Rientrati a Piazza del Molo per la colazione, sempre amorevolmente seguiti dall’equipaggio della Croce Rossa locale che ha fornito l’assistenza medica durante tutta la manifestazione, hanno trovato un servizio impeccabile anch’esso organizzato dal Club degli Scoordinati, che vanta tra l’altro quote rosa superiori alla media nazionale, con vista sul maxi schermo che purtroppo però non ha regalato il successo sperato di Valentino Rossi.
A ricordo della giornata targhe e coppe per le categorie più disparate, dal gruppo più numeroso al biker più anziano (1924), da quello più giovane (1995) alla motociclista proveniente da più lontano. Tutte scuse buonissime per chiudere in allegria una giornata che è certamente da ricordare.
Non solo apparentemente scavezzacolli, ma sensibili anche alla solidarietà, tutti i partecipanti hanno aderito ad una iniziativa in memoria di Fabrizio Meoni , un campione di motociclismo tragicamente scomparso in Africa durante una tappa della 27^ Parigi-Dakar.
Proprio per l’Africa che gli aveva dato così tanto durante la sua carriera, parenti e amici hanno deciso di raccogliere fondi destinati ai più bisognosi. Gli Scoor dinati non si sono fatti pregare e nel corso della manifestazione hanno voluto raccogliere dei fondi che serviranno alla Fondazione Fabrizio Meoni per portare solidarietà e amicizia ai poveri giovani del sud del Sudan.
Ospite d’eccezione e quindi personaggio della manifestazione la bella e simpaticissima Letizia Marchetti, prima donna ad aver vinto una gara del campionato Superbike e per questo entrata nella storia del motociclismo anche se oggi ai più è nota per aver fatto da controfigura ad una certa Belen in uno spot che pubblicizza servizi di telefonia.

Nata in provincia di Roma, viene anche definita il “razzo rosa”, ma a guardarla così disponibile e sorridente ci risulta difficile immaginarla in una “piega cattiva”. Il poster autografato che ci regala ci smentisce subito…
Ringraziamenti ufficiali oltre che agli sponsors, anche per i consiglieri Casasanta, Giontella e Serami il cui supporto alla realizzazione dell’evento è stato pubblicamente apprezzato dal Presidente del Club motociclistico Maximiliano Vittorini.
Riffa conclusiva con il solito super fortunato che si è aggiudicato il primo premio consistente, guarda caso, in un motociclo, e quindi il consueto arrivederci al prossimo incontro.

Renato Magrelli
[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/2460/” title=”2460″]

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick