La tensione degli atleti di Fagiani è palpabile sin dalle prime fasi di riscaldamento. E’ un derby sentito oltremisura soprattutto dagli atleti del Volley Anguillara la cui età media è di gran lunga inferiore a quella della squadra di Bracciano.
Comincia il primo set ed è l’Anguillara a fare tutto: punti vinti e punti persi. Il Bracciano “raccoglie” di tutto e respinge al di là della rete dove l’inesperienza rende difficili anche i palloni più inerti. Sul punteggio di 15 – 20 un pallone contestato vede cambiare la decisione della giovane arbitro per ben tre volte.
Il primo set si chiude velocemente a favore del Bracciano.

Nel secondo set, botta d’orgoglio del Volley Anguillara che si porta subito sul 7 a 3. I ragazzi murano bene e Saraceni ci delizia con schiacciate che piegano le dita del muro avversario grazie anche alle alzate di Papagna che abbiamo visto molto migliorato nelle due ultime settimane.

Dalle tribune arriva il tifo del Bracciano mentre i supporters dell’Anguillara mantengono un loro aplomb, fatta ecceione per qualcuno che stuzzica l’arbitro per alcune sue discutibili decisioni.

Molto reattivi i giocatori locali in questa fase di gioco: Pierdomenico cresce e umilia con uno splendido pallonetto l’aggressivo muro braccianese.

Le due squadre si confrontano fino alla fine del set su livelli di gioco perfettamente equivalenti, ma è Anguillara che la spunta 29 a 27.
Anche nel terzo set Anguillara parte bene arrivando sul 7 a 4 ma si fa rimontare grazie anche alla distrazione del secondo arbitro: ben 5 punti consecutivi dal Bracciano.
Anguillara riprende il sopravvento portandosi 22 a 20, ma la decisione dell’arbitro che vede un inesistente tocco del muro di Anguillara, scatena la bagarre in campo. E’ Fagiani, ammonito, che ne fa le spese per tutti. Il terzo set termina 29 a 27 per il Bracciano e noi avvertiamo che lo spirito combattivo dell’Anguillara è stato profondamente, e a nostro avviso anche ingiustamente, colpito.
Nel quarto set c’è un timido tentativo di reazione da parte dell’Anguillara che tuttavia sull’ 11 a 18 non sente più in sé la capacità di reagire e lascia che la partita finisca con il punteggio di 25 a 16 per il Bracciano.
Meritato crediamo, il successo dei ragazzi di Bracciano che secondo noi non avevano nessun bisogno di aiuti esterni per giocare una bella partita.

Renato Magrelli

[foldergallery folder=”cms/file/BLOG/837/” title=”837″]