Buriram, Moto2: la gara del Team Forward Racing





Il Gran Premio di Thailandia, disputato per la prima volta sul circuito di Buriram, ha lasciato l’amaro in bocca ai piloti del Forward Racing Team.

Stefano Manzi, dopo una delle sue tenaci partenze, non è riuscito a concludere la gara: il pilota riminese ha recuperato ben dieci posizioni in un solo giro, per poi finire nella ghiaia, terminando anzitempo un weekend che avrebbe meritato un finale migliore, sia per lui che per il Team.

Dall’altro lato del box Isaac Viñales ha portato a termine una gara sofferta, sia per le alte temperature che per il feeling con la moto, non perfetto per tutti i tre giorni di gare.

Il prossimo appuntamento iridato vedrà protagonisti i piloti del Forward Racing Team in Giappone, sul Circuito di Motegi tra due settimane.




Stefano Manzi – DNF

“Sono tanto dispiaciuto per questo finale di weekend: la caduta non ci voleva, potevo portare a termine la gara in buona posizione. Dispiace, non tanto per me, ma per il team, che lavora sempre alla grande: ringrazio tutto il team e mi scuso per i risultati ottenuti, che non sono quelli che meritiamo”.

Isaac Viñales – P24

“E’ stata una gara difficile quella di oggi. Le temperature, sia dell’aria che dell’asfalto, erano davvero elevate e non sono riuscito a trovare il giusto feeling. Nonostante io abbia già lavorato con questa moto, ogni circuito ha bisogno di molte modifiche e aggiustamenti. Ho portato a termine la gara, ma la posizione guadagnata non mi soddisfa di certo. Ora non c’è tempo di scoraggiarsi e pensiamo al Giappone”.

Giovanni Cuzari – Team Owner

“Sicuramente non è stato un finale di weekend positivo. Stefano avrebbe potuto terminare la gara in buona posizione, ottenendo un risultato positivo, che avrebbe meritato sia lui che tutta la squadra. Peccato per la caduta, dopo un giro dove ha conquistato ben dieci posizioni. Isaac è riuscito a terminare una gara non certo facile per lui: le forti temperature e i fastidi al braccio debole, seppur guarito, hanno inciso sulla sua prestazione, ma lo spagnolo non si è scoraggiato, arrivando al traguardo. A lui va il mio elogio, così come tengo a ringraziare tutti i nostri sponsor e partner che fanno sentire forte il loro supporto”.



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4673 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*