Calcio, Virtus Divino Amore, I° categoria, mister Lattanzio: “A Cecchina un k.o. ingiusto”





Non è stato fortunato l’inizio di stagione della Prima categoria della Virtus Divino Amore Calcio. La squadra
di mister Paolo Lattanzio ha ceduto 1-0 sul campo della Pro Calcio Cecchina al termine di una gara
combattuta.

Il commento di Mister Lattanzio

«C’erano davvero tante difficoltà nella preparazione di questa sfida – commenta l’allenatore – Abbiamo
cominciato in ritardo per le note questioni che hanno coinvolto la società, ma questa è l’ultima volta che
mi sentirete parlare di questa cosa perché il club ora con un grande sforzo ci ha permesso di ritornare al “Millevoi” e dunque non deve esistere più questo alibi. Inoltre abbiamo affrontato un avversario già “rodato” dall’esperienza in Coppa, sicuramente valido e ben attrezzato oltre che abituato ad un campo d’erba molto sconnesso e non bello.

Il caldo e gli infortuni ad Alessandro Trevisani e Simone Lattanzio oltre alle assenze di gente come Fazio e Arduini hanno aggiunto difficoltà, ma la squadra è stata in partita fino alla fine e anzi nella parte conclusiva ha spinto parecchio alla ricerca di un pareggio che avrebbe meritato. Tra l’altro abbiamo avuto in campo ben sei “under” e alcuni di questi nati nel 2000, segno del buon lavoro portato avanti l’anno scorso con la Juniores. Inoltre c’è stato un chiaro errore dell’arbitro che ci ha negato un rigore evidente per un fallo proprio sul giovane Toppi».

Insomma, risultato a parte, la prima della Virtus Divino Amore ha «lasciato sensazioni positive – dice Lattanzio – Finora non avevamo “metri di giudizio” reali perché avevamo potuto disputare una sola amichevole, ma ora siamo più coscienti delle nostre possibilità. Questo gruppo ha delle qualità importanti per ottenere l’obiettivo stagionale che è quello di una tranquilla salvezza».




Domenica la Virtus Divino Amore torna al “Millevoi” per il debutto casalingo contro il Real Marconi Anzio, anch’esso sconfitto ieri. «Ci teniamo molto a fare bene nel primo match sul nostro campo. Credo che il valore reale della Virtus Divino Amore lo si vedrà dopo quattro o cinque giornate, ma siamo già sulla buona strada» conclude Lattanzio.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*