Calcio, Promozione, La Rustica, De Filippo: “Play off? Lotteremo finché non ci condanna la matematica”





Il La Rustica Calcio arriva a pochi minuti da un colpaccio sul campo dell’Atletico 2000,
formazione in piena lotta per la salvezza. La squadra di mister Fabio Panno è stata
raggiunta sul 2-2 nella parte finale del match, chiudendo anche in inferiorità numerica.

Le parole di Elia De Filippo

«Abbiamo fatto un buon primo tempo – commenta l’esterno difensivo classe 1998 Elia De
Filippo – Siamo andati in vantaggio prima con Gubinelli e poi, dopo il pari dei padroni di
casa, con Simonetta poco prima dell’intervallo (28esimo centro stagionale per il super
bomber del La Rustica, ndr). Nella ripresa avremmo potuto e dovuto concretizzare le
occasioni che ci sono capitate e portare a casa i tre punti, pur avendo subito qualche buon momento dell’Atletico 2000. Ma sostanzialmente abbiamo perso due punti molto importanti». Il La Rustica è scivolato a sette punti dalla coppia di terze classificate composta al momento da Atletico Morena e Palocco.

«Finché la matematica non ci condanna, lotteremo per i play off – conferma De Filippo – E’ chiaro che al momento la corsa è molto complicata, ma non molliamo». Il calendario non dà certo una mano ai ragazzi di Panno che nel prossimo turno ospiteranno il Lavinio Campoverde primo della classe. «Un avversario importante e una gara molto complicata, ma noi proveremo a fare la nostra partita e a conquistare dei punti» dice il giovane esterno, arrivato in estate dallo Sporting Genzano dove l’anno scorso si era diviso tra Juniores e Promozione.

«Ho trovato un buono spazio e ho sentito la fiducia del mister. Il mio ruolo? Io nasco come esterno alto e qualche volta ho giocato in quella posizione anche con il La Rustica, ma credo di essermi adattato abbastanza bene anche sulla linea difensiva e sono soddisfatto della mia stagione. Per ciò che riguarda la squadra, abbiamo alternati ottimi momenti a periodi di maggiore difficoltà, ma credo che nel complesso l’annata sia più che positiva» conclude De Filippo.






Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*