Deroue si è assicurato la vittoria nel round di casa del WorldSSP300


Deroue si è assicurato la vittoria nel round di casa del WorldSSP300




Scott Deroue (MTM HS Kawasaki) ha ottenuto il successo al termine di una splendida gara del WorldSSP300 sul TT Circuit Assen, dopo una grande battaglia sotto il sole olandese.
Borja Sanchez (Halcourier Racing) ha avuto una grande partenza e ha conquistato la leadership nei primi giri, mentre alle sue spalle un bel gruppo puntava alla vittoria. Tuttavia lo spagnolo ha dovuto cedere due posizioni al settimo giro, per aver ecceduto i limiti della pista.
Robert Schotman (GRT Yamaha WorldSSP300 Team) e Mika Perez (WILSport Racedays) sono caduti alla curva cinque quando mancavano sei giri al termine, ma non sono stati gli unici, infatti anche Daniel Valle (Halcourier Racing) è caduto il giro successivo, in una domenica difficile per i piloti spagnoli.
Gli ultimi giri sono stati sensazionali e Deroue ha tagliato per primo il traguardo davanti al pilota wild card e connazionale Glenn van Straalen (Vos – TKR Racing) dopo che all’ultimo giro sono caduti Finn de Bruin (Pearle Gebben Racing) e Angelo Liccardi (Team Trasimeno).
Alfonso Coppola (SK Racing) ha lottato per la vittoria nella maggior parte della gara e ha ottenuto la terza posizione, davanti a Sanchez e Dorren Loureiro (DS Junior Team) che completano la top 5.
Gli altri due italiani li troviamo in dodicesima e tredicesima posizione e si tratta di Jacopo Facco (Bierreti By 2R) e Giuseppe De Gruttola (SK Racing).
Deroue domina la classifica iridata e il WorldSSP affronterà tra due settimane il terzo round, sulla pista di Imola.
Fonte: worldsbk.com






Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4094 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*