Jonathan Rea: Campione del mondo 2016 nel MOTUL FIM Superbike





Dicono che la fortuna sia degli irlandesi, ma Jonathan Rea ha dimostrato di essere un campione, sempre. Il pilota del Kawasaki Racing Team è diventato Campione del Mondo 2016 della Supebike per il secondo anno di fila sabato 29 ottobre, chiudendo i giochi in Gara 1 sul circuito di Losail finendo in seconda posizione.
Nato a Ballymena, Irlanda del Nord, Jonathan Rea ha iniziato la sua carriera in MotoX, finendo secondo nella classe 60cc nel 1997, prima di passare, nel 2003, alle gare su strada. Dopo un breve ma importante passaggio nel British Superbikes, Rea è entrato nel WorldSSP con il team Ten Kate Honda nel 2008, vincendo la sua prima gara a Brno e continuando con le vittorie di Brands Hatch e Vallelunga. I progressi di Rea sono stati rapidi, ma il suo sguardo era già rivolto al WorldSBK che raggiunse l’anno successivo.
Nel 2009 Rea ha debuttato nel WorldSBK con il team Hannspree Ten Kate Honda ed è stata una stagione segnata da podi e vittorie. La storia si ripete nelle successive due stagioni con Honda, ma sempre arrivando ad un passo dalla conquista del Campionato. Nel 2015 il 28enne nord-irlandese è passato al Kawasaki Racing Team, dove ha dominato la stagione con 14 vittorie e si è laureato così Campione del mondo del WorldSBK.
Quest’anno la difesa del titolo è cominciata con due vittorie nel round iniziale di Phillip Island, dimostrando a tutti che sarebbe stato difficile strappargli la corona. Rea ha vinto Gara1 in Tailandia, mentre in Gara2 si è piazzato secondo alle spalle del suo compagno di squadra e sfidante al titolo Tom Sykes.

Le due gare successive ad Aragon hanno visto i due piloti Kawasaki alternarsi al primo e secondo posto, con Sykes vincente in Gara1 e Rea primo in Gara2. Rea è poi protagonista nei due weekend di Assen ed Imola, con la doppietta in Olanda ed i due secondi posti in Italia, ma sempre davanti a Sykes.

A Sepang e Donington Sykes è tornato a battere Rea, ma il campione del mondo ha rafforzato la sua leadership con la doppietta di Misano. Nel round americano Rea è l’uomo da battere e nella gara di domenica la caduta di Rea e la vittoria di Sykes hanno permessoo a quest’ultimo di recuperare 25 punti. In Germania Rea si è aggiudicato Gara2, dopo una brutta caduta in Gara1, e a Magny-Cours Rea è scattato dalla pole, ma in Gara1 Sykes ha approfittato del cambio gomme di metà gara per salire sul podio, proprio davanti al suo avversario.
Il gap si stava riducendo, ma in Gara2, dopo un epico duello tra Sykes e Rea, che ha favorito la vittoria di Chaz Davies, Rea è riuscito a stare davanti al suo compagno di squadra arrivando secondo. Nel penultimo round Rea aveva bisogno di aumentare il suo vantaggio di soli due punti, ma in Gara1 Sykes è arrivato secondo davanti al nord-irlandese e nella seconda manche Rea ha preceduto l’inglese sul podio, chiudendo con il secondo posto. Ottenendo gli stessi punti il divario in classifica è rimasto di 48 punti e la lotta al titolo si è così mantenuta accesa fino all’ultimo round, in Qatar.

Sul circuito di Losail, dove si corre in notturna, Jonathan Rea è scattato dalla pole positione ed è stato costantemente in seconda posizione, dietro a Chaz Davies, mentre il suo sfidante al titolo Sykes ha terminato in quarta posizione. Con il posto d’onore il nord-irlandese è stato incoronato vincitore, entrando ancora di più nella storia del WorldSBK.




Fuori dal circuito Jonathan Rea è un marito affettuoso e “il migliore papà del mondo” per Jake e Tyler. È il preferito dai tifosi nel paddock del WorldSBK grazie alla sua disponibilità e al suo atteggiamento spensierato. È un vero campione del mondo in tutti i sensi e un esempio per tutti.
Nel 2017 Jonathan Rea cercherà di difendere il suo titolo per la terza volta, sempre con il Kawasaki Racing Team.
La sua carriera in cifre:
Titoli WorldSBK: 2
Gare: 191
Vittorie: 38
Podi: 87
Pole: 8
Giri veloci: 26
Fonte: worldsbk.com



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 4674 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*