MotoGp, Tailandia 2022: la pagella del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
motogp

MIGUEL OLIVEIRA 10: Il portoghese fa un “garone” che lo porta dalla undicesima casella della griglia al secondo successo stagionale. Le insidie dell’umido non lo spaventano e giro dopo giro fa fuori tutti gli avversari che incontra. E’ abile anche nel tenere sotto controllo gli attacchi di Miller. Bravissimo!

 

JACK MILLER  9,5: L’australiano è in forma e anche lui è autore di una buona rimonta. Purtroppo sul suo cammino c’è la Ktm di Oliveria in versione super. Si dimostra sportivo nel non cedere al compagno di squadra la posizione; certi giochetti non mi piacciono anche se li capisco poiché dettati da questioni di sponsor. Good!

 

PECCO BAGNAIA 9: Se si analizza solo la prestazione del teammate il voto sarebbe più basso. Alla luce, però, del discorso mondiale, la sua è una gara intelligente. Massimizza, senza correre rischi inutili, il guadagno di punti su Quartararo. A questo punto il titolo può solo perderlo lui.  Chapeau!

 

JOHANN ZARCO 3: Il francese è accorto nella parte iniziale della gara, grintoso in quella finale. La grinta lo porta addirittura a superare Marquez e il passo che aveva era quanto meno da podio. A ridosso di Pecco, però, Johann si è comportato come un fido scudiero. Invece di far suo l’ultimo gradino del podio, ha preferito non superare un pilota che con il suo team e con gli sponsor del suo team non ha nulla a che vedere. Un servizio servizievole migliore non avrebbe potuto fare. Per questo merita il 3 in pagella. La sua condotta, non ne abbia a male, l’ho trovata poco sportiva. Niente di illecito sia chiaro; solo che ho un’idea diversa di motociclismo. Bocciato!

 

MARC MARQUEZ 7,5: Continua il recupero dell’8 volte campione del mondo. Il suo è un percorso lungo e difficile, il cui esito non è affatto scontato. Marc, però, ci mette tanto cuore e tanto talento. Ad un certo punto ha Bagnaia nel mirino ma ci pensa Zarco nel togliergli la soddisfazione del podio. Fa nulla. Esserci è già tanto. Farlo, poi, nelle posizioni che contano (dopo il calvario vissuto) è come una vittoria. Forza!

 

FABIO QUARTARARO 3: Diciassettesima posizione al traguardo con un distacco di oltre 30 secondi sono la fotografia della disfatta del campione del mondo in carica. Non si toglie neanche la soddisfazione di battere il compagno di squadra. Quando si è impegnati nella lotta per il mondiale, anche se la tua moto non è la migliore, non puoi fare figuracce simili, specie in condizioni dove il motore non è l’elemento preponderante. Dal suo polso mi sarei aspettato maggiore grinta e soprattutto punti. Visto l’abbrivio che ha preso il campionato, sarà difficilissimo riconfermarsi il migliore. Sveglia!

 

KTM: La più equilibrata.

 

DUCATI: Quasi imbattibile.

 

HONDA: C’è grazie a Marquez.

 

APRILIA: In difficoltà.

 

SUZUKI: Anonima.

 

YAMAHA: Assente.

 

ORGANIZZAZIONE GARE: Anticipare nel calendario la data della trasferta tailandese no?

Fonte foto: pagina Facebook MotoGp

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick