Motomondiale, l’Aprilia affronta la cattedrale

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
Motomondiale

Presenza fissa del calendario MotoGP fin dal 1949, se si esclude la cancellazione nel 2020 a causa della pandemia, la pista olandese di Assen si è meritata l’appellativo di Cattedrale sia per le caratteristiche tecniche del tracciato sia per la spettacolarità delle gare che qui si disputano. Un esame importante che arriva proprio prima della pausa estiva, momento durante il quale piloti e team potranno recuperare le energie e lavorare in preparazione del finale di campionato.

Per Aleix l’obiettivo è tornare sul podio

Per Aleix l’obiettivo è tornare sul podio, diventata in questo 2022 una piacevole abitudine. Una situazione nuova per lui e per Aprilia ma maturata grazie alla grande evoluzione del pacchetto tecnico e alle straordinarie velocità e costanza di rendimento mostrate dal pilota di Granollers.

Il weekend del Sachsenring ha restituito un Viñales sempre più solido in sella alla RS-GP. Il processo di adattamento alla moto italiana continua a procedere fluidamente e Maverick conta di poter sfruttare una pista “amica” come quella olandese per chiudere nella maniera migliore questa prima parte di stagione.

Aprilia si presenterà al Gran Premio di Assen con la line-up completa, vista la presenza in pista del collaudatore Lorenzo Savadori. Al quale, come sempre, spetterà il compito di continuare lo sviluppo della RS-GP.

ALEIX ESPARGARÓ

“Assen è un circuito mitico, con un tracciato spettacolare. Mi preoccupa un pò il meteo, che qui è sempre un’incognita, di sicuro troveremo temperature più basse rispetto al Sachsenring. Chiaramente mi piacerebbe trovare un weekend asciutto ma l’importante sarà arrivare alla pausa estiva con una situazione di classifica e di morale positiva”.

MAVERICK VIÑALES

“Il primo obiettivo qui ad Assen sarà di continuare sul livello mostrato la scorsa settimana. Sono convinto che potremo essere competitivi su ogni pista, a maggior ragione su un tracciato che si è sempre mostrato adatto al mio stile di guida. Anche il fatto di correre subito è qualcosa che mi aiuta. Abbiamo visto che partire davanti rende la vita molto più semplice in gara, se riuscissimo a raggiungere almeno la seconda fila potremmo davvero mostrare il nostro potenziale”.

LORENZO SAVADORI

“Per me è sempre uno spettacolo tornare in pista, specialmente quando si tratta di un appuntamento iconico come quello di Assen. I tecnici mi hanno già anticipato che avremo molte soluzioni su cui lavorare, il nostro obiettivo rimane quello di fare chilometri e continuare a sviluppare la RS-GP. Magari testando qualcosa che possa aiutare Aleix e Maverick nella seconda metà di campionato”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick