MotoGp, Catalogna 2022: la pagella del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
motogp

FABIO QUARTARARO 10: Terzo in griglia di partenza, sontuoso in gara, solitario al traguardo. La sua è stata una gara perfetta, agevolata anche dalla fortuna. Ma si sa, la fortuna aiuta gli audaci e il francese oltre ad essere audace è anche veloce molto ma molto veloce. Seppur all’appello ci sono ancora tante gare, il successo catalano per l’alfiere della Yamaha suona come una dolce ipoteca per il bis iridato. Maestoso!

 

JORGE MARTIN 9: La piazza d’onore per lo spagnolo è la combinazione tra l’errore di valutazione di Espargaro, una buona prestazione e la bellezza della MotoGp, in grado di far diventare veloci piloti che fino a ieri faticavano e/o somari piloti che hanno vinto 3 gare stagionali. Bravo!

 

JOHANN ZARCO 8: L’ultimo gradino del podio è frutto di una buona condotta e di un grazia ricevuta da Sant’Aleix di Noale. Bene!

 

JOAN MIR 7,5: Gareggiare in un team in smobilitazione non è il massimo non solo dal punto di vista tecnico ma anche psicologico. L’ex campione del mondo, però, nella gara di casa ha massimizzato il risultato e fa sua la medaglia di legno; a ciò si è aggiunto anche un pizzico di fattore C che non guasta mai. Forza!

 

ALEIX ESPARGARO 4: Tra pole position e seconda posizione indietro all’indemoniato Quartararo, la gara poteva avere un sapore inebriante ed invece…Sbaglia clamorosamente nel calcolo dei giri (un’occhiata alla dashboard no?) e nel festeggiare un arrivo ancora lontano, ha graziato i vari Jorge, Johann e Joan. Un vero peccato, perché a mio avviso l’unica arma (ci sarebbe anche Bastianini ma ultimamente con la sua moto…) che può battere Quartararo può essere la consistenza del binomio italo-spagnolo. Imperdonabile!

 

LUCA MARINI 7: Per il fratello d’arte un’altra buona prestazione. Chi si aspetta da lui la vittoria, sbaglia. Chi da lui si aspetta un pilota coriaceo e concreto, fa una giusta analisi. Ottimo!

 

ENEA BASTIANINI 4: Nel dopo gara dichiara: “Non ho fatto nulla di strano… sono entrato come nel giro precedente ma purtroppo l’anteriore non ha retto. Volevo fare una gara discreta, senza esagerare, ma non ci sono riuscito. Al momento non ho spiegazioni. Paradossalmente in quel punto andavo anche forte e stavo disputando una bella gara. Eravamo lì, e già mantenere la sesta/settima posizione oggi sarebbe stato importante”. Caro Enea, premesso che quando si cade c’è quasi sempre anche una componente di errore di calcolo del pilota, ma da quando un pilota privato vince il titolo nella massima serie? Per me il pilota di Rimini è l’italiano più forte ed è uno dei pochi (l’altro è Marquez) che se messo nelle giuste condizioni, può mettere in serie difficoltà El Diablo. In Ducati se lo capiranno è bene, altrimenti…Rimandato!

 

YAMAHA: Incredibilmente veloce la numero 20, incredibilmente lente le altre…

 

DUCATI: Sulla carta sarebbe la migliore moto. Peccato che, a mio avviso, abbiano sbagliato gli alfieri ufficiali tant’è che ancora una volta i privati hanno fatto meglio, molto meglio…

 

APRILIA: Una bella favola e qualche volta errare è umano…

 

SUZUKI: Una rondine che non fa primavera.

 

KTM: Lontana.

 

HONDA: Dispersa.

 

 

NOIAGP: Negli ultimi tempi le gare della MotoGp sono quasi sempre un inno alla sonnolenza. Da tutti in piedi a tutti stesi sul divano…Non è solo una questione di moto a dir poco sgraziate; è soprattutto una questione tecnico-regolamentare. Se purosangue come Marquez e Quartararo (gli unici) hanno lasciato intendere che se vi fosse meno elettronica le gare sarebbero più a misura di talento e divertenti, qualcosa vorrà dire o no? Nella massima serie, grazie all’elettronica, anche un pilota normale può dire la sua per il podio o addirittura vincere. Se invece di premiare i talenti dei polsi si premiano quelli dei microprocessori, questi sono i risultati. Tra l’altro è un cane che si morde la coda, perché mi dite quali sponsor vorranno investire in uno sport dove gli spettatori da casa (sempre di meno) o devono aspettare gli ultimi 2 giri per vedere qualcosa di interessante o devono valutare le scivolate come massima espressione dello spettacolo?

 

Fonte foto: pagina Facebook Fabio Quartararo.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick