Calcio, Cynthialbalonga, serie D, il presidente Camerini: “Ripartiremo sempre con alte ambizioni”

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

La Cynthialbalonga ha chiuso al sesto posto il suo campionato, senza riuscire a centrare l’obiettivo play off che a un certo punto pareva concreto. Il presidente Bruno Camerini traccia un bilancio dell’annata.

Le dichiarazioni di Camerini

“Un torneo che non poteva iniziare peggio e che ha messo in discussione le nostre scelte tecniche, poi successivamente i valori sono venuti fuori tanto che abbiamo fatto nelle ultime 27 partite gli stessi punti della capolista che abbiamo battuto in casa e fuori, così come la seconda della classe. Purtroppo abbiamo perso punti con squadre retrocesse o di bassa classifica, evidentemente qualche limite mentale o di carattere ci ha condizionato, ma faremo tesoro degli errori commessi. Il sesto posto non era quello che ci aspettavamo, il sottoscritto è il primo responsabile”.

Il club ha scelto una linea “inconsueta” per molte società dilettanti: dopo le grosse difficoltà iniziali non ha rivoluzionato o smobilitato. “Non siamo umorali – dice Camerini –E poi gli impegni si prendono per essere rispettati, se si vuole essere ambiziosi bisogna mantenere la parola data”.

Da ieri per la Cynthialbalonga è già tempo di pensare al futuro: “Le nostre ambizioni rimarranno alte: in questo momento la priorità è il consolidamento della società e magari potrebbero esserci nuovi ingressi di persone vicine al calcio e allo sport che potrebbero darci una mano. Il direttore sportivo Giorgio Tomei è da dieci anni con noi e non ci saranno problemi nel proseguire assieme, con mister Luca Tiozzo ci vedremo prestissimo, ma personalmente sono contento del lavoro che ha fatto. Il gruppo non sarà rivoluzionato perché questo significherebbe ricominciare da zero. Dovremo prendere quello che di buono c’è stato e valutare i ragazzi sia dal punto di vista agonistico che tecnico, tattico e anche caratteriale”.

La chiusura riguarda i rapporti con le istituzioni comunali del territorio che è rappresentato dalla Cynthialbalonga: “Col Comune di Genzano abbiamo avuto un incontro in settimana, comunque Roberto Cicogna e Sandro Leuti intrattengono rapporti cordiali con l’amministrazione e lo stesso avviene con Albano. Da Castel Gandolfo, invece, non abbiamo mai ricevuto una minima dimostrazione di interesse negli ultimi anni: forse si dimentica che questo club ha la matricola dello storico Castel Gandolfo nato nel 1960 e che nel nostro fiorente settore giovanile ci sono diversi ragazzi, tecnici e dirigenti della cittadina lacustre. Per questo ho scelto di sostenere la candidatura di Marta Toti alle prossime elezioni comunali per cercare di rendere Castel Gandolfo più vicina ai giovani e allo sport in generale, magari anche costruendo un impianto polivalente che non guardi solo al calcio, ma anche all’atletica, al padel, al volley e a tante altre discipline”.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick