Lockdown e stile di vita, come sono cambiate le abitudini degli italiani

 Lockdown e stile di vita, come sono cambiate le abitudini degli italiani


Dal Lockdown abbiamo cambiato un po’ tutti stile di vita e oltre questo, anche le nostre esigenze sono completamente diverse, anche nello scegliere la propria casa. Sì, perché se prima ci accontentavamo di grandi spazi interni per riuscire a stipare quante più cose possibile, dopo il Lockdown abbiamo l’esigenza di vivere in un luogo che abbia un affaccio gradevole sull’esterno.

Ricordiamo tutti il periodo in cui ci affacciavamo dal balcone per avere quel minimo di socialità, anche se si interagiva con i spesso odiati vicini, ma soprattutto per avere un affaccio sul mondo col suo silenzio surreale. Certo non è stato piacevole rimanere per tante ore nello stesso posto per lavorare o studiare e vivere allo stesso tempo e anche ora, sempre col timore di nuove chiusure e restrizioni, le persone cercano case con ampi terrazzi da decorare e rendere piacevoli.

Sta spopolando, infatti, la mania di avere un piccolo orto in terrazzo o almeno di un piccolo angolo di giardino con le piante officinali e i fiori. Ci stiamo ritagliando un piccolo spazio di verde nel nostro ambiente casalingo… e pensavamo che il verde in verticale dei grattacieli fosse troppo avanguardistico! Ebbene, è la realtà, anche se fatta con i mezzi di cui ognuno dispone, senza vere e grandi spese.

Che poi, è pure un passatempo niente male, scavare la terra con le mani e fare piccoli lavori di giardinaggio: il relax è garantito e il benessere assicurato. Si sa che l’esposizione al sole (se prese le giuste precauzioni e si esce nelle ore meno calde) rigenera la vitamina D e c’è da considerare anche che passare qualche ora all’aria aperta fa bene al nostro apparato respiratorio, ci dà carica.

In fin dei conti, il Lockdown ci ha aiutato a sviluppare delle sane abitudini, come fare attività fisica col tapis roulant, riscoprire il piacere della cucina casalinga e dell’organizzazione dei pasti, anche reinventarsi nelle piccole cose. Anche se purtroppo queste “cose buone” non cancellano un pessimo ricordo di un periodo decisamentenero.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *