MotoGp, Valencia II: la pagella del Dicos

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp
motogp

FRANCO MORBIDELLI 10 e lode: Pole position, vittoria, bel duello vinto, miglior pilota Yamaha e seconda piazza in campionato. Quello valenciano è per il romano il fine settimana perfetto. Con una moto non all’altezza né di quella del teammate né di quelle ufficiali, l’italiano alle chiacchiere ha preferito i fatti. Nelle ultime tornate si esalta nello scontro con un coriaceo ma corretto Miller e porta, così, a 3 i successi stagionali ma soprattutto porta le note dell’inno di Mameli sul podio. Bravissimo!

 

JACK MILLER 9: L’australiano perde il duello con Morbidelli ma vince alla grande la sfida interna desmodromica. La Ducati ha in casa un ottimo talento e deve solo credere fortemente in lui. Il domani ti appartiene!

 

POL ESPARGARO 8: Una gara per lo spagnolo più che positiva, condita dal gradino del podio che gratifica anche gli sforzi della casa austriaca. Bene!

 

JOAN MIR 6,5: Le pressioni del pregara sono state forti e, forse, il neo campione ha preferito non rischiare. Ha fatto benissimo perché è entrato a far compagnia a mostri sacri come Kevin Schwantz, Franco Uncini, Barry Sheene e Marco Lucchinelli. I mondiali, così, per lui diventano 2 e nel 2021 sarà l’uomo da battere. Mir è un pilota umile ed intelligente e al circo mediatico preferisce dare gas. Un esempio, a parer mio, al quale i giovani devono ispirarsi. Complimenti!

 

VALENTINO ROSSI 4: Un altro fine settimana da dimenticare per Mister 9 volte. Sono lontani i tempi in cui a Valencia il buon dottore si giocava il titolo. Non è una questione di moto, perché sulla stessa pista, lo stesso giorno, con una moto meno performante ma della stessa marca di quella guidata c’è chi ha vinto. E’ solo una questione di tempo che passa: anche una scarpa diventa uno scarpone!

 

FABIO QUARTARARO 2: Il predestinato di inizio anno è autore di un’altra somarata e getta alle ortiche anche la piazza d’onore; e pensare che fino a poche gare fa era il favorito al successo mondiale. Non basta andare forte. Occorrono anche l’intelligenza e l’umiltà. Addirittura si è fatto superare dal compagno di squadra che, obiettivamente, non gode dello stesso trattamento. Un disastro!

 

YAMAHA: La moto che vince ha sempre ragione.

 

DUCATI: La bella in mani australiane.

 

KTM: Competitiva.

 

SUZUKI: Complimenti ai ragazzi capitanati da Davide Brivio che in occasione del centesimo anniversario festeggia con il titolo della classe regina.

 

APRILIA: Una rondine che non fa primavera.

 

HONDA: Naufragata.

Facebook
Twitter
LinkedIn
Pinterest
Pocket
WhatsApp

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Never miss any important news. Subscribe to our newsletter.

Recent News

Editor's Pick